Utente 173XXX
Gent.mi dottori,
volevo porvi un quesito:
il mio andrologo nelle more di ricevere i risultati di analisi interne, mi ha prescritto Zoloft 50 mg (spiegandomi il suo principio attivo e il suo effetto circa l' EP) , da assumere con dosaggio di una singola pillola prima di andare a dormire, precisando che essa doveva essere solo una "cura palliativa" da intraprendere per una ventina di giorni.
Ho fatto uso di Zoloft per il periodo indicato,e dopo il quarto giorno di assunzione ho avuto dei miglioramenti incredibili circa il rapporto sessuale (prima di Zoloft riuscivo a dare solo 4-6 spinte coitali, il mio rapporto era discontinuo e insoddisfacente, con Zoloft è durato oltre 30 minuti, può immaginare la contentezza personale e della mia partner) ,a mio malgrado questa libido è durata solo per una quindicina di giorni , perchè al sedicesimo giorno dall 'assunsione, è come se Zoloft avesse cessato il suo effetto, facendo tornare tutto come prima.
Il mio andrologo è ad un congresso prenderò un appuntamento appena tornerà.
Detto ciò vorrei domandare :
è possibile che il mio corpo si è assuefatto (dopo appena 15 giorni) al farmaco, e quindi non risponde più come dovrebbe ?
secondo voi quali altre cause possono aver portato il mio corpo ad essere insensibile al farmaco?sulle basi della vostra esperienza cosa consigliate di fare ?
Potete immaginare la mia delusione, toccare il cielo con un dito e poi precipitare, non è bello.
In attesa della vostre risposte, vi ringrazio e vi auguro una buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la eiaculazione precoce è un disagio sessuale molto frequente e legato a variabili (posizioni,partners,frequenza etc.),nonché a quadri patologici (prostatiti,malformazioni etc.) che ne rendono complessa la gestione.<il consiglio è di attendere il ritorno dell'andrologo di riferimento così da ridiscutere lo schema terapeutico.Cordialità.