Utente 523XXX
Ok mi metto tranquillo qualche minuto. Chi vi parla è un ventiseienne che da 5 o 6 mesi non vive più bene. Praticamente ho una fobia per le malattie sessualmente trasmissibile, sempre avuta...forse latente non so. Ma un episodio insignificante me l'ha fatta scoppiare. Conosco una ragazza di 22 anni, stiamo assieme e mi dice che suo fratello piu' di 10 anni fa è morto di aids.
Apriti cielo
da Ottobre ad ora io ho fatto 2 test negativi, lei ne ha fatto 1 negativo di già e stastiamo aspettando il secondo da una settimana.
Non riesco a vivere il rapproto, cavoli lo os che hiv non si trasmette vivendo con un hiv+, in più ha fatto il test ma non riesco a vivere un rapporto sereno. In più ora che ha fatto il secondo test al laboratorio ci stanno mettendo piu' tempo del solito perchè hanno problemi di personale e hanno lavoro arretrato.
Sfiga eh?
Ora mi sono stancato, chiedo aiuto..che mi consigliate di fare, cari dottori?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
ATRIPALDA (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

il fatto che lei faccia richiesta di consulto in questo spazio fa riflettere molto su quanto ritenga ingiustificata tale paura.

Il problema e' molto amplificato da tutta questa condizione, ma sapra' anche che dopo 6 mesi la possibilita' di aver contratto l'infezione deve essere gia' presente, per cui la sua ragazza avrebbe dovuto prendere l'aids oltre 10 anni fa qualora ci fossero stati comportamenti a rischio con il fratello (per esempio scambiarsi le forbici per unghie).

La sua ingiustificata paura andrebbe contestualizzata anche in altri aspetti della sua vita che possono far pensare alla presenza di alcuni disturbi psicologici nella sua vita quotidiana.

Oltretutto, ripetere all'infinito il test sembra non avere alcun effetto sulla sua tranquillita' e non ne avra' per il futuro.

Partendo da questa considerazione, credo che sia opportuno consultare uno specialista in psichiatria per valutare quali aspetti possono essere attualmente presenti che possano essere indicatori di una esagerata risposta agli stimoli come quello descritto.
[#2] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
le fobie che lei descrive hanno margini di risoluzione, laddove vengano contestualizzate nelle specifiche situazioni. Senza voler entrare in merito a quanto accaduto, non posso suggerirle altro che una consulenza mirata ad ottenere risposte adeguate sia alla specifica contingenza ma sia più in generale ad approfondire il senso delle sue fobie.
Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
se le sue paure dovessero continuare anche oltre questo ultimo test, le suggerirei di consultare uno specialista in psichiatria per verificare se sussiste un problema di tipo fobico-ossessivo e studiare insieme le possibili soluzioni.
cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 523XXX

Iscritto dal 2007
Allora, grazie a tutti dottori, lei finalmente dopo 12 giorni ha ritirato il test dal laboratorio, tutto ok.
Ora sto molto meglio e spero che col tempo tutto passi, altrimenti vado da uno psicoterapeuta. Stavo pensando se potesse essere utile per me scambiarmi i test con lei, cioe' io do i miei a lei e lei da i suoi a me...almeno se mi viene qualche pensiero li guardo e me li faccio passare...
[#5] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Se i pensieri tornano ancora, nonostante tutto, allora è il caso di consultare un terapeuta.
cordiali saluti