Utente 251XXX
Buongiorno a tutti,
prima di tutto un grazie a tutti coloro che decideranno di aiutarmi.
La mia storia alimentare è stata turbolenta in passato, vi racconto: fino all'età di 4 anni ho assunto ogni tipo di alimento senza problemi; durante lo stesso anno, nella notte del 24 dicembre (che fortuna!) abusai di uova crude (mia nonna si stava dilettando a preparare tortellini per il giorno dopo), stupidamente mangiai quindi tutti gli scarti della pasta. Dopo poco tempo mi sentìi male, un forte attacco d'asma mi prese la gola e quasi non respiravo. Mi portarono all'ospedale di corsa e li ebbi anche crampi di stomaco e vomito, ma questi ultimi sintomi solo per quella sera. Ho dovuto passare TUTTE le festività in ospedale per un totale di 11 giorni.
Appena mi fu possibile mi recai da molti allergologi della mia zona, senza risultati soddisfacenti.
Solo uno di loro (di Roma) verificò tramite test cutaneo intolleranza a lattosio (?), pomodoro, patate e allergia alle uova.
Mi disse subito a malincuore che si trattava di un'allergia, e per questo non c'era speranza che in futuro sarebbe guarita o al massimo alleviata, mentre per gli altri alimenti disturbanti sarebbe bastata una sospensione drastica per poi reintrodurli poco per volta (oggi mangio pomodori, patate e latte senza problemi). Mi sconsigliò ovviamente anche il pollo e la faraona (??), ma avevo via libera a tacchino e tutte le altri carni bianche, e a uova di quaglia, oca, anatra e struzzo (cosa che mi fa sorridere sempre).
Purtroppo (o per fortuna) durante gli anni (ne son passati quasi 17 da quel giorno) mi è capitato di ingerire alimenti che contenessero uova o pollo. Ad esempio ho sempre mangiato senza problemi il grana padano, e so benissimo che contiene la proteina dell'albume chiamata lisozima.
Mangio da una vita al ristorante cinese e solo pochi giorni fa scopro che in alcune pietanze che ho sempre preso mettono un pizzico di uovo in polvere per dare sapore al condimento.
Lo stesso vale per gelato e kebab: nel primo caso, ho iniziato a mangiare gelati alle creme artigianali da quando ho avuto il via libera con il latte, sempre nella stessa gelateria; vengo anche qui per caso a sapere che tutti i gelati alle creme vengono fatti con le uova, comprese le cialde.
Nel secondo caso ho mangiato per un anno filato kebab, non sapendo che la solita carne di manzo e maiale era mista anche a quella di pollo. ovviamente mi sono spaventata e non ho piu toccato questo tipo di cibo.
Tutto ciò per dire che, a distanza di anni mi è stato detto (anche da specialisti) che l'allergia alle uova, se si presenta nell'infanzia, tende ad affievolirsi negli anni, se non addirittura scomparire.
Io oramai sono abituata cosi, non mi pesa piu dover mangiare senza uova, ma sono molto confusa, non so piu a chi dare ascolto: al mio ex allergologo di 17 anni fa, o agli altri specialisti che affermano l'opposto. Scusate la lunghezza e spero mi aiutiate!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
forse la chiave di tutto è in quella Sua definizione: «senza risultati soddisfacenti». Cosa si aspettavano i Suoi familiari? Come mai quell'allergologo è "riuscito" dove gli altri non sono arrivati (e immagino che anch'essi L'abbiano sottoposta ai test per l'uovo)?
Con questo non voglio dire che Lei non abbia avuto una reazione immunomediata all'uovo o che - al contrario - se ne sia "privata" senza motivo, ma solo che sarebbe necessario rivedere il tutto in maniera critica. Se i familiari ricordano bene i fatti e/o ancora detiene i documenti di allora: si può fare.
Saluti,