Utente 200XXX
Buongiorno, da agosto 2011 assumo ogni mattina TAMOXIFENE da 20 mg prescritti dal mio andrologo perchè risulto avere testosterone basso e FSH alto. A novembre la cura sembra sia stata efficace riportando i valori del testosterone nel range di quelli normali anche se il valore dell'FSH si è ulteriormente alzato. Nell'ultimo mese ho registrato due episodi di contratture-crampi al polpaccio destro accadutomi il mattino al risveglio. leggendo il bugiardino del TAMOXIFENE leggo che può essere un effeto collaterale della sua asunzione asociato ad un altro sintomo quale episodi ischemici. Naturalmente mi sono spaventato e ho smesso da 2 giorni di assumere il tamoxifene. Ho fatto le analisi che richiedeva il mio andrologo riguardanti i valori di FSH, LH e TESOSTERONE ma saranno pronti il 23 luglio. La cura che mi è stata data era mirata al tentativo mio e di mia moglie di avere un bambino. Non so come comportarmi: se i valori del testoterone sono rimasti nella norma allora creo che non assumerò più questo farmaco, ma se i valori fossero scesi (il dubbio mi viene da una mia aumentata stanchezza-spossatezza fisica come l'avevo prima della cura) non so cosa sarebbe meglio fare. Rischiare altri episodi di crampi e/o qualcosa di più grave oppure no? Vi scrivo per avere un supporto prima di andare in visita dal mio andrologo fissata purtroppo a settembre. Sono un po preoccupato da questo farmaco!!!
Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

le cose che ci riporta meritano di essere rivalutate dopo che lei ci abbia indicato i reali valori di aprtenza e mi riferisco ai dosaggi ormonali ed inoltre vista la ricerca di un figlio, anche un evntuale esame seminale e se fatta l`ecografia testicolare, i volumi e la morfologia. Qesti sono tutti elementi fondamentali per comprendere il suo iniziale quadro clinico.

Cordialita`