Utente 226XXX
Dottori scusatemi il disturbo,innanzitutto vi ringrazio per la vostra disponibilità e per avermi sempre risposto.
Volevo spiegarvi la mia situazione attuale, da circa 1 anno e mezzo a questa parte ho sempre avvertito questo fastidio ( inizialmente ), che poi nel tempo è diventato un vero è proprio problema; Bruciori e pesantezza durante e dopo aver urinato, sensazione di dover urinare ma con vescica vuota.
Decisi di fermarmi un attimo e controllare una volta per tutto questo problema anche perchè inizialmente pensavo fossi io a fissarmi.
Fatta la prima visita con un andrologo mi fece eseguire l'esame liquido seminale e l'urinocoltura.
Ritornato dal mio andrologo con gli esiti degli esami, mi conferma che gli esiti erano tutti regolari, mi prescrisse altri 2 esami da effettuare, CISTOSCOPIA e UROFLUSSOMETRIA.
Il problema è che quando gli chiesi il giorno e chi doveva effettuarmela lui mi rispose che dovevo io prenotare l'esame chiamando un certo numero e che questo esame non doveva eseguirlo lui, io un po scosso ( sapendo l'esame da effettuare ) gli chiesi gentilmente se era possibile effettuare l'esame con anestesia sapendo che PURTROPPO sono un tipo debole con gli ospedali. NEGATIVO, non era possibile effettuarla con anestesia.
Torno a casa preoccupato, chiamo il numero, per quell esame devo aspettare più di 2 mesi, ancora più confuso decido di lasciar perdere e tentare con un altro professore.
All incontro di questo urologo mi effettua subito un ecografia transrettale della prostata e l'esame dell uroflussometria.
Risultati ecografia:
volume prostata 15.2 cc
conclusioni diagnostiche: esame nella norma
Risultati uroflussometria:
flusso medio: 7.8 ml/s
flusso al picco: 14.2 ml/s
tempo al picco di flusso: 9.1 s
volume vuotato: 198.9 ml
tempo di flusso: 24.1 s
tempo di svuotamento: 27.7 s
intervalli: 2
Per il professore l'esame dell uroflussometria è anomala e decide di dover effettuare anche la cistoscopia, chiedo anche a lui se potevo effettuarlo con anestesia, lui mi risponde dicendomi di si ma a spese mie.
Stamane mi chiama dicendomi il costo per effettuare l'anestesia e preferisce di aver la risposta nel pomeriggio perché se non ho capito male domani è a disposizione un anestesista.
Dottori morale della favola io sono arrivato al limite, non credo di sopportare il dolore senza anestesia e credo di dover pagare per effettuare questo esame.
La cosa che volevo anche capire è come mai bisogna pagare così tanto un anestesia quando la maggior parte delle volte la fanno gratuitamente ad ogni intervento.
Grazie in anticipo.

17 anni.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
intanto la sintomatologia da Lei chiaramente descritta è quella di una uretrite per lo più secondaria ad una uretrite.
Accade poi che in presenza di infiammazione lo sfintere si apre male e ne può conseguire una flussimetria con basso flusso massimo( urina sempre con lo stessa pressione di quando ha eseguito la flussimetria urinaria o ha urinato così male solo nel corso di quell'esame?) Se le cose stanno come ipotizzo l'esame endoscopico uretrocistoscopico non è un esame assolutamente utile
Cordialmente.