Utente 143XXX
Salve, ho 31 anni e recentemente ho scoperto che avere il pene curvo (ho una curvatura dorsale congenita) non è una condizione normale. Prima di esserne consapevole non ho mai avuto problemi con le mie fidanzate, se non qualche problema "tecnico" per la penetrazione ...risolvibile con qualche manovra contorsionistica :-)
Recentemente però, quando arriva il momento della penetrazione il pene non raggiunge un'erezione sufficiente. Durante la masturbazione l'erezione è completa. Pensate che possa essere un problema psicologico dovuto all'insicurezza di avere il pene curvo? Magari di non riuscire a penetrare con facilità? Insomma una sorta di ansia da prestazione da pene curvo congenito?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

una possibile diagnosi già lei la delineata ma, per non fare i superficiali, ora dobbiamo raccomandarle una attenta e precisa valutazione clinica diretta con esperto andrologo.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/227-pene-curvo-valuta-fa.html.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Qualora fosse confermata l'ipotesi dell'ansia da prestazione ...ci sono dei metodi per risolverla senza andare da uno psicoterapeuta?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se il problema viene confermato e tende ad essere persistente e a mantenere una disfunzione sessuale è bene consultare sempre uno psicologo.

Comunque, se devo ribadire il mio consiglio, è sempre bene sentire in prima battuta il suo medico di famiglia e poi il suo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.