Utente 638XXX
Sono un uomo di 54 anni, donatore abituale. Oggi ho eseguito una donazione di sangue e sono risultati alcuni valori fuori norma. In particolare, Ematocrito=39,8; Volume eritrocitario medio(MCV)=77,9; Conc.HB media(MCHC)=35,6; Ferritina=26,4. Preciso che ad aprile i valori erano simili e la Ferritina era 24,5 perciò ho assunto del ferro via orale, mi sembra con scarsi risultati. Devo preoccuparmi? Secondo voi devo fare degli ulteriori esami o una cura, e in caso positivo quale? Il medico di famiglia mi ha consigliato solo di mangiare carne rossa e spinaci! E' opportuno che sospenda le donazioni di sangue?
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
Sono valori accettabili per una anemia microcitica, verosimilmente iposideremica,
riguardo alle donazioni sarà cura del centro che effettua il controllo preventivo decidere se farla donare o meo.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 638XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta, ma vorrei sapere se devo rivolgermi ad uno specialista (in caso positivo quale?) o se devo fare qualche esame specifico. Per quanto riguarda le donazioni il centro dove dono il sangue mi ha consigliato solo di assumere ferro per via orale; Le sembra sufficiente?
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Se l'iposideremia è legata ad un ridotto apporto alimentare è giusta laprocedere terapia marziale.

Se la causa è un ridotto assorbimento del ferro, va indagato il perchè del cattivo assorbimento: lo specialista è il gastroenterologo.

Se invece la causa dell'anemia risiede nell'emopoiesi lo specialista è l'ematologo.

Prima quindi di procedere con visite specialistiche è corretto che sia il medico curante a realizzare il filtro del primo inquadramento.