Utente 259XXX
Buongiorno
mi moglie alla 16° settimana di gravidanza è stata ricoverata (reparto ostetricia) per 7 gg per un presunto calcolo renale. Durante la permeanza in ospedale abbiamo notato una fortissima ritenzione idrica a parte delle fitte all’altezza dello sterno, e il respiro affannoso il D dimero a 2360 - RCB 2.74 - HGB 8.9 - HCT 26.1 - MCH 32.4 - PLT 112 - MPV 13.2 EMOSTASI PT% 122 – PT sec 10 – INR 0.93 - PT Ratio 1- APTT sec 29.2 – APTT ratio 1.01 - AT antitrombina 95% -Fibrinogeno clauss 393- Ma nonostante il quadro clinico non rassicurante i medici hanno pensato bene di dimetterla. Il giorno dopo, sotto consiglio di un amico medico, abbiamo effettuato una visita cardiologica, dove hanno riscontrato una dilazione dell’atrio destro con versamento pleurico. I medici hanno ritenuto giusto ricoverare mia moglie per tenera in osservazione. Una delle diagnosi possibile è l’embolia polmonare, l’altra ipotesi sarebbe un sovraccarico d’acqua con un insufficienza renale che ha generato la ritenzione idrica elevata e un sovraccarico del cuore. Non nascondo che la paura e le preoccupazioni di questi giorni sono infinite. Attualmente gli somministrano dell’eparina e continuano a monitorare il cuore. Basta questa semplice cura per non rischiare? è possibile effettuare delle indagini che possano confermare l’eventuale embolia considerando che in grembo abbiamo nostro figlio? Le condizioni di mia moglie sono le seguenti: leggero senso di stanchezza e affanno, la ritenzione idrica è totalmente rientrata. So che una domanda scomoda, ma quali sono in Italia i migliori centri per curare un problema di questo tipo? Cosa mi consigliate di fare? Siamo molto preoccupati.
Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'embolia polmonare non richiede particolari centri specifici per il suo tipo di trattamento, d'altra parte non è affatto detto che la diagnosi sia quella di una embolia polmonare, che richiederebbe, in assenza di una visione TAC, quanto meno la conferma con emogasanalisi oltre all'ecocardiogramma. Per quanto lei riferisce, la diagnosi di embolia polmonare è molto dubbia.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dott. Martino,
Emogasanalisi, a parere dei medici, dovrebbe essere apposto. L'ecocardiogramma 2 gg fà e ieri non andavano bene, oggi e rientrato.
Perché quali altre manifestazioni dovrebbe avere un embolia polmonare?

Cordialmente.
[#3] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Buona sera Dott. Martino,
Questa notte mia moglie ha avuto una fitta (altezza addome sinistro) durata qualche ora, poi passata spontaneamente.
Non avendo altre possibilità d'indagini i medici ci confermano che dovremo eseguire a scopo cautelativo la terapia come fosse un'embolia polmonare, per tutta la gravidanza. Naturalmente mi sorgono mille dubbi e domande:

Per quanto tempo dovremo effettuare questa cura?
Che frequenza dovranno avere le analisi al sangue e i controlli cardiaci?
Quali sono le dosi di eparina consigliate? e quali i limiti da non superare per non incorrere a rischi gravi?

Cosa mi consiglia a riguardo?

In attesa di riscontro
Cordiali Saluti.