Utente 260XXX
Salve, ho 41 anni regolarmente sposato e con una vita sessuale regolarissima fino a 2 anni fa', nel 2010 il rapporto coniugale e' entarto in crisi x problemi caratteriali, da allora mi e' capitato di avere qualche problema di erezione senza poter avere rapporti completi, un amico mi e' venuto subito in soccorso facendomi usare del cialis, una pastiglia da 10mg ogni 3/4 gg da allora visto che avevo ripreso vita sessuale regolare e molto sodisfacente non l'ho + mollato (ormai da + di un anno), stranamente 15gg fa mi e capitato durante il rapporto di perdere l'erezione senza poter finire il rapporto (nostante il cialis) e cio mi ha buttato un po in panico, cosi ho aumnetato dose a 20mg prima del rapporto ed e la terza volta consecutiva che niente non riesco ad arrivare all'erezione, ho provato a masturbarti in solitudine per testarmi e con un po di difficolta ho raggiunto erezione e eiaculazione. Non capisco penso mi sia subentrato l'ansia da prestazione che mi agita ... possibile che in questo anno mi sono asuefatto al cialis ? Potrebbe avevr provocato danni un periodo cosi lungo di somministrazione ? cosa posso fare ? ... sto andando in panico

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

intanti è ben tranquillizzarsi sapendo che il farmaco non determina dipendenza fisica nè psicologica.

Piuttosto con l'aiuto dello specialista deve valutare se e quanto sono rilevanti le condizioni dell'insuccesso, se ha preso farmaci concomitanti, se ha rispettato la cinetica di azione del farmaco.

Consideri che l'impatto di un insuccesso può veramente vanificare anche pieni dosaggi di tadalafil.

Perciò con calma, contatti lo specialista più vicino a lei e valuterà se effetture magari alcuni esami ematici basilari per la corretta funzione erettiva.

cordialità