Utente 625XXX
Mi è stato diagnosticato un varicocele di II grado SX dopo un eco-doppler.
Mi è stato suggerito di intervenire chirurgicamente per poterlo eliminare e recuperare la mia fertilità.
Un chirurgo generale mi ha consigliato di effettuare un intervento con taglio alto come un appendicite (Legatura retroperitoneale), un andrologo mi ha consigliato un taglio più basso a livello dell'inguine (legatura inguinale).
Vorrei conoscere il vostro parere al riguardo.
Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
Gentile utente prima di praticare l'intervento le consiglierei di praticare uno spermiogramma completo.
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
sono abbastanza sorpreso, forse c'è un equivoco. Prima di decidere quale tecnica adottare per la correzione della patologia varicosa del Suo plesso pampiniforme sinistro, occorre:
1) sottoporsi a scrupoloso esame clinico.
2) sottoporsi ad esami di laboratorio generali e specifici.
3) sottoporsi ad esame del liquido seminale.
4) sottoporsi ad esame ecografico dei testicoli.
5) sottoporsi ad esame ecocolordoppler dei vasi spermatici.
Esistono, come ho avuto occasione spesso di ricordare in questo forum, diverse tecniche di intervento per la varicocelectomia. Alcune chirurgiche open, altre laparoscopiche ed altre ancora di radiologia interventistica.
Tutte hanno percentuali di persistenza del varicocele diverse a seconda della correttezza della diagnosi e dell'abilità dell'Operatore.
Personalmente, ripeto, dopo aver sperimentato le diverse possibilià, pratico una legatura bassa secondo Dubin e Amelar, con modificazione personale della tecnica. Sto ottenendo ottimi risultati sia in termini di guarigione chirurgica che di miglioramento della fertilità.
Ma sono esperienze personali. Si rivolga al Suo Medico di fiducia e segua i consigli di quest'ultimo. E solo i suoi.
Affettuosi auguri di pronta risoluzione del Suo problema,
Cordiali saluti
Prof. Giovanni MARTINO