Utente 603XXX
Salve, vorrei parlare del mio problema, non so quando è iniziato ma io ho la sensazione di averlo sempre avuto. Accade che ogni volta che ho un eiaculazione dopo mi viene una fortissima ansia che può durare anche settimane e che mi porta molti disturbi come: balbuzia, battito cardiaco accellerato, disturbi alimentari, perenne stato di agitazione e quindi difficolta a concentrarmi.

Ripeto credo di averlo sempre avuto, ma prima non mi portava tutti questi fastidi, adesso la situazione sembra aggravata, ho fatto gli esami: del sangue, delle urine, elettrocardiogramma, radiografia del cranio, per queste tutto bene; per l'elettroencefalogramma è risultata una lieve iperpnea, inoltre ho fatto una visita psichiatrica ma il mio non sembra essere un disturbo di questo tipo.

Vorrei domandarvi da cosa può derivare questa forte ansia (potrebbe dipendere da squilibri ormonali) e se questo peggioramento è solo momentaneo o dovrei cominciare a preoccuparmi.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro signore, penso che per porre una diagnosi di tale problema è necessario un consulto psicosessuologo.
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
[#2] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore è noto che l'approccio alla propria sessualità è un fatto individuale e soggettivo, le risposte emotive ai rapporti prima e dopo sono variabilissimi e conta molto anche come ci si pone nei confronti della situazione sia singolarmente che in coppia. Pertanto alla luce dei suoi dubbi e delle sue ansie il miglior consiglio che mi viene per lei è di approcciare seriamente la problematica con uno psicologo sessuologo.
[#3] dopo  
Utente 603XXX

Iscritto dal 2008
Inizialmente si pensava potesse essere un problema di natura psicologica tipo un trauma ma dato che ne soffrono anche i miei genitori, in maniera differente, penso sia qualcosa di origine genetica.
Grazie per la celere risposta.
A presto