aorta  
 
Utente 100XXX
Buongiorno. L’ultima volta che mio figlio (di 3 anni e mezzo) è stato sottoposto a visita cardiologica e ad eco color doppler, mi è stato detto che forse nel febbraio 2013 (quando sarà sottoposto al prossimo esame) dovranno chiudergli il dotto di Botallo. Onestamente ho un po’ paura di un intervento del genere e me ne chiedo la necessità visto che alla visita effettuata un anno prima mi avevano detto che non ci sarebbe stato bisogno di intervenire.

Ecco l’esito:

Anamnesi: Difetto interatriale e dotto arterioso pervio in follow up. Asintomatico. Non prblemi di rilievo da controllo precedente.

E.O. : Buon compenso cardiocircolatorio. Non soffi. Polsi e perfusione periferici normali.

ECG : Ritmo sinusale. AQRS normorientato. FC 120 bpm. Normale conduzione atrio-ventricolare. Non aritmie.

Ecocardiogramma M-mode-2D con Doppler e Color Doppler: Situs solitus, levocardia. Concordanza AV e VA. Setto interatriale integro. Dotto arterioso pervio con shunt lieve. Camere cardiache di normali dimensioni. Buona cinesi bi ventricolare. Aorta e arteria polmonare di normale … Istmo aortico nella norma. Pericardio indenne.

Conclusioni: Probabile chiusura spontanea di DIA. Dotto arterioso pervio emodinamicamente non significativo. Si programma nuova valutazione cardiologica.

Dunque mi chiedo: se l’esito della valutazione è quello da me descritto (dal quale non si evince nulla di drammatico) e se il DIA si è già chiuso spontaneamente (così risultava dal controllo di un anno fa, fatto in anestesia), quanto deve essere grande il dotto di Botallo e che valori di pressione dovrebbe avere mio figlio perché io sia indotto ad intervenire e a fargli rischiare la pelle? Se io non dessi il consenso, cosa rischierei a non fargli fare l’intervento stando alla situazione descritta? Fino a che età è possibile effettuare un intervento percutaneo come quello che mi è stato prospettato?

Grazie.
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi mi pare che abbia fatto un po' di confusione tra dotto di botallo pervio che e' la per vieta di una piccolo condotto che unisce aorta e polmonare e forame di Botallo pervio che è un foro che mette in comunicazione i due atri.
È opportuno che lei faccia visitare il bambino presso un buon parto di cardiochirurgia pediatrica. Per CIA telematica io non posso certo consigliarle o meno un intervento chirurgico, come comprenderà
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  


dal 2012
Grazie del consulto.

Ovviamente spetta solo a me decidere se dare il consenso all'intervento (e conoscendomi, sarò più orientato per il no a meno che non veda rischi davvero concreti nel non effettuarlo). Qui cerco solo qualche chiarimento su tale tematica, peraltro molto specifica, non un consiglio se intervenire o meno.

A dire il vero, mi sono soltanto limitato a ricopiare l'esito dell'ECG, perché mi è sembrato che tale esito sia nettamente in contrasto con quello che invece mi hanno detto a parole: "se non si chiude da solo, dobbiamo intervenire ma non si preoccupi: è un intervento che si fa in DH e ne facciamo tutti i giorni".

Dunque, secondo lei, chi ha scritto questo referto potrebbe aver fatto confusione fra dotto e forame di Botallo? Mi sembra incerdibile, anche perché sull'esito non ho letto la parola "forame". Il forame è più grave del dotto (almeno in generale)? Può dirmi fino a che età si può comunque intervenire con un intervento percutaneo, senza ricorrere alla chirurgia?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Si sottopongono a chiusura del dotto e del forma ovale per via per cutanea pazienti di tutte le età.
Porterei il bambino a far visitare in un centro cardiochirurgico pediatrico .
Arrivederci
Cecchini
[#4] dopo  


dal 2012
Il fatto che si possa intervenire a qualsiasi età è per me una novità (che mi rincuora ovviamente), visto che al centro specialistico dove l’ho portato mi hanno detto che è meglio intervenire durante i primi anni perché più avanti si potrà intervenire solo con la cardio-chirurgia… Sapere invece che se non sono convinto posso anche rimandare l’intervento, può aiutarmi a decidere per il dissenso senza precludergli la possibilità di intervenire successivamente.

Le assicuro che il centro al quale ho portato mio figlio mi è stato consigliato da tante persone e tanti medici. Ovviamente ne taccio il nome per non violare le regole del sito. Le posso assicurare anche che non sono affatto superficiale su queste cose. Il fatto, però, che possano avere scritto “dotto” al posto di “forame” mi lascia un po’ pensare… Andrò più a fondo su questa incertezza, perché (seppure nella mia ignoranza in materia) immagino che i rischi che un paziente corre a non fare l’intervento siano già diversi in partenza, a seconda che si tratti dell’una o dell’altra cosa. Non so proprio cosa dire.

Riguardo, invece, ai rischi di un intervento percutaneo, mi è stato risposto “non si preoccupi” (certo, il figlio è mio, non è loro), ma devo dire che su questo argomento non riesco a sapere nulla da nessuna parte. Scusi se approfitto ancora della sua pazienza, ma pur rendendomi conto che il rischio dipende dalla situazione specifica del paziente (età, condizioni, ecc.), lei potrebbe dirmi, almeno in linea del tutto generale e da un punto di vista statistico, quali rischi o complicazioni può comportare un intervento di questo tipo (chiusura di dotto o di forame) su un paziente di età pediatrica? Es. arresto cardiaco, lesione dei tessuti, blocco respiratorio, shock, ecc. Purtroppo non riesco proprio a farmi un’idea.

Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009

E probabile che abbia entrambe le anomalie.
Per darle l idea del rischio è come se lei andasse in auto a Milano da dove abita.
Cordialmente
Cecchini
[#6] dopo  


dal 2012
Ok, da un punto di vista probabilistico magari ci siamo, ma è sull'entità del rischio dell'intervento che non ho le idee chiare: ovvero, se si tratta di un rischio di morte, di shock, di invalidità permamente, o di non so che cosa. Mi spiego adesso?

Un conto è che vado in auto fino a Milano e strada facendo mi si rompe lo specchietto, un conto è che andando fino a Milano la mia auto si scontri con un autotreno... :-) Traducendo in termini ospedalieri, un tale intervento (seppure con probabilità remote) può causare morte o danni gravi? E' proprio questo il mio dubbio.

Saluti
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le ho già risposto. I rischi gravi sono come andare in auto da dove abita a Milano.
Tutti gli interventi, appendicite inclusa, possono avere teoricamente complicanze. Un futuro da non operato per un bambino significherebbe di morire al massimo a mezz età per ipertensione polmonare.
Cordialmente
Cecchini
[#8] dopo  


dal 2012
Viva la franchezza, anche se i rischi a non intervenire cui fa cenno riguardano probabilmente la situazione in cui lui abbia sia dotto che forame ancora aperti. Se ci fosse solo il dotto di Botallo aperto cambierebbe qualcosa?

Per forame di Botallo intende il DIA ?
[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Una volta che fa arrivare un catetere dentro il cuore chiudere un dotto od un forame od entrambe le cose non aumenta significativamente il rischio.
Per forame di Botallo pervio si intende un difetto del setto interatriale DIA.
Arrivederci
Cecchini
[#10] dopo  


dal 2012
Ok, ma visto che il DIA è chiuso (come ho precisato nel primo post, il DIA è infatti da considerarsi chiuso), dovrei badare dunque al solo dotto di Botallo o in qualche modo c'entra sempre il forame di Botallo cui lei ha fatto cenno?

Infatti, se DIA e forame di Botallo sono sinonimi, il forame non è per me influente perché, ripeto:il DIA si è già chiuso spontaneamente, e io devo guardare ai pro e ai contro all'intervento considerando solo ed esclusivamente il dotto di Botallo. Diverso sarebbe, invece, se DIA e forame non fossero sinonimi. Onestamente, dalla sua ultima risposta non riesco a intendere se sono sinonimi o meno.

Cosa può determinare l'ipertensione polmonare che può colpire entro la mezza età, il dotto o il forame di Botallo?
[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi la situazione e' un po' complessa da poter descrivere qui.Molto spesso il DIA appare "chiuso" per un aumento delle pressioni delle camere destre, legate in questo caso alla persistenza di un dotto arterioso prvio.
Ecco perché' le consiglio un reparto di cardiochirurgia pediatrica affinché, dopo un cateterismo cardiaco destro tutto possa essere sufficientemente chiarito e curato nella stess seduta
L'ipertensione polmonare si sviluppa in questo caso per un anomalo passaggio di sangue dall' aorta al tronco comune della polmonare.
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#12] dopo  


dal 2012
Grazie per la spiegazione, che al momento è sufficiente. Credo di aver capito qualcosa collegando le sue informazioni con ciò che mi è stato detto a voce, peraltro in modo molto fugace, nel corso dell'ultimo controllo.

Grazie ancora e buon lavoro!