Utente 261XXX
Salve,
dall'inizio di questa estate, in coincidenza con la nuova stagione in moto ho subito avvertito dolori all'altezza del coccice.
Da premettere che da due stagioni invernali ho inziato a praticare snowboard e chiaramente da dilettante sono state frequenti le cadude sul duro. Sotto consiglio del medico ho eseguito una ecografia e ho consultato un ortopedico. Mi è stata diagnosticata una coccigodinia e mi è stato consigliato di associare ad una terapia di "gladio" per 10 gg l'utilizzo della ciambella e una rafiografia al coccice. Dalla radiografia l'ortopedico ha riscontrato una macchiolina sul coccice ma mi ha chiesto di aspettare la fine dell'estate per poi eventualemente eseguire una risonanza in quanto potrebbe trattarsi di una cisti. Ho provato a documentarmi in rete ma a questo punto ho le idee alquanto confuse.
L'ecografia non ha riscontrato nulla, non ho manifestazioni di fistole,dalla rete sembra che le cisti al coccige siano solo di tipo pilomidale.Inoltre in rete sembra si possa operare ma l'ortopedico mi ha detto che non si interviene in alcun modo se non con eventuali infiltrazioni.A questo punto sono solo sempre più preoccupato e confuso.Vorrei capirci qualcosa in più anche perchè per ora mi è stato detto che devo evirare la bici, la moto lo snowboard ...praticamente tutto quello che mi piace e il dolore è chiaramente diminuito ma non scomparso
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
E' possibile che abbia una cisti sacro-coccigea, altrimenti detta "sinus pilonidalis". Con tutto il rispetto pero' dei Colleghi Ortopedici lei dovrebbe sentire piuttosto il parere di un Chirurgo, che e' lo Specialista piu' adatto al suo caso. Il fatto che non abbia fistole e' una buona notizia: vuol dire che la malattia ancora non si e' complicata; o meglio, si e' complicata forse con un ascesso, ma ancora non ha formato una fistola. E' ovvio che fino a che non sara' fatta luce sulla vicenda sara' meglio prevenire i traumi e i microtraumi della regione interessata: per questo le hanno sconsigliato moto, bici e snowboard. Se posso permettermi di darle un consiglio eviti di continuare a sottoporsi ad esami strumentali non del tutto necessari: vada da un Chirurgo e avra' la diagnosi, per la quale in genere e' sufficiente una visita. Un'ultima cosa: quando si deve combattere una battaglia (nel suo caso contro una malattia) e' sempre utile conoscere il "nemico"... A tale scopo le consiglio la lettura del seguente articolo: http://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-generale/118-cisti-fistola-sacro-coccigea-ovvero-sinus-pilonidalis.html
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2012
Salve,
La ringrazio per la pronta risposta. Per quale motivo mi sconsiglia di eseguire altri esami?
Ho letto l'interessante l'articolo che mi ha proposto tuttavia devo dire che non riscontro manifestazioni cutanee superficiali di alcun tipo ne febbre o malessere generale. Continuo a praticare sport regolarmente senza problemi. Al momento non avverto particolare dolore nella seduta, solo una sensazione di leggera sensibilità in alcuni movimenti da seduto. Forse perché ho seguito la terapia di cui parlavo nel mio primo messaggio o perché sto usando la ciambella? Per lavoro trascorro molte ore seduto.Ho letto in rete di tante complicanze post operatorie e comunque di tanti casi di recidiva. Sembra quasi non si tratti di un intervento semplice o sicuro benché mi sembra di capire siano tanti i casi d'intervento. Probabilmente vado troppo avanti con i pensieri forse perchè non posso fare a meno di documentarmi in rete in quanto seguo per passione la medicina ma non voglio lei segui me.
Grazie Mille
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Senz'altro lei va troppo avanti: qui ancora non abbiamo una diagnosi e lei gia' pensa all'intervento, alle recidive, alle complicanze! Io le consigliavo di non fare accertamenti non richiesti al fine di risparmiare tempo e soldi, ma faccia come crede, s'intende. Tenga conto che se si fara' visitare da un Chirurgo la diagnosi quasi certamente le verra' comunicata subito. E se poi non sara' una cisti sacro-coccigea le verra' detto come fare per fronteggiare questo "qualcos'altro".
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dr. Spina,
le scrivo per aggiornarla sull' esito delle mie indagini. In seguito a visita da ortopedico, ecografia e risonanza, è stato appurato trattarsi di una infiazzazione della zona coccice dovuta ad una caduta. Tuttavia, l'aggravante è data dal fatto che il mio coccice si è dimostrato essere con la punta verso l'esterno(effetto coda).Dopo un'utilizzo attento della ciambella sono riuscito a far rientrare di parecchio l'infiammazione ma ora, da quanto ho ripreso ad utilizzare la moto, la zona interessata ha ripreso a darmi fastidio, dolore. Come mi consiglia di procedere?
Il problema inizia ad essere parecchio fastidioso oltre che lievemente debilitante.
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Se il problema è anatomico direi che è quasi irrisolvibile: se continua ad andare in moto andrà a finire che si infiammerà di continuo...
Cordiali saluti