Utente 122XXX
Gentili dottori,
volevo sapere come si fa a capire, quando si ha un dolore epigastrico, se è semplice gastrite o se è un infarto.

So che una parte di infarti si manifesta anche con questa sintomatologia, ma quando uno va in ospedale perchè ha dolore epigastrico con nausea e vomito o senza vomito, solitamente si viene mandati dai chirurgi i quali non prendono minimamente in considerazione il caso di infarto.

Dico questo perchè io soffrendo di gastrite (che però tutti dicono dovrebbe essere asintomatica) sono andato due volte al ps perchè avevo forti dolori epigastrici e nessuno ha mai preso in considerazione la possibilità di infarto che ovviamente poi non era, mentre conosco due persone che avevano dolore allo stomaco con vomito (uno anche febbre) e sono andati al PS o hanno chiamato la guardia medica, ma gli era sempre stato detto che era un virus intestinale e poi invece sono morti di infarto.

Mentre se uno va al PS lamentando dolori toracici, di norma ormai in tutti gli ospedali, fanno il dosaggio della troponina, la quale da una buona affidabilità nel decidere se è infarto o meno,
quando uno va lamentando dolori epigastrici nessun chirurgo fa la troponina.

Volevo sapere quando mi viene il dolore epigastrico come devo fare a capire se è gastrite (che però dovrebbe essere asintomatica) e quindi visto che ne soffro posso non preoccuparmi oppure se potrebbe essere infarto e quindi andare al PS, dove però il chirurgo che mi visiterà non prenderà in considerazione l'infarto come è successo a miei conoscenti.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In realtà non esiste un sistema per discernere tra un dolore di origine cardiaca da uno di natura intestinale o gastrico fai da te.pertanto in caso di dolore epigastrico o toracico è sempre il caso di un consulto medico a meno che non si tratti di dolori già diagnosticati come gastrici.