Utente 261XXX
Gentili dottori, dallo spermiogramma di mio marito di 37 anni, sono emersi i seguenti valori:
mobilità 1a ora: mobili 30 % - ipomobili 30 % - immobili 40%
mobilità 2a ora: mobili 30 % - ipomobili 30 % - immobili 40 %
mobilità 3a ora: mobili 25 % - ipomobili 30 % - immobili 45 %
movimento: veloce 5 % - rettilineo lento 10 % non progressivo 85%
Morfologia: forme normali 45 % - anormali 45 % - immature 5 %
Agglutinazioni e pseudoagglutinazioni: assenti
Nu.ro spermatozoi per ml : 8 milioni
Nu.ro spermatozoi totali: 20 milioni
Ph: 8%.
La diagnosi è: oligo astenozoospermia.
Premetto che dopo 12 mesi di tentativi, sono rimasta incinta, ma la gravidanza è finita con un raschiamento per aborto ritenuto (camera gestazionale irregolare e assenza di embrione, c.d. uovo chiaro). Stiamo provando di nuovo da circa sei mesi. Mio marito, su indicazione della ginecologa, sta assumendo un integratore, Inofert. Il mio dubbio è relativo al grado di "gravità" della situazione. Del resto la prescrizione di un semplice integratore dovrebbe essere confortante, ma da quello che leggo, i dati di cui sopra non lo sono affatto. Spero di sbagliarmi.
Grazie per la disponibilità.
Saluti.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,lo spermiogramma evidenzia alterazioni significative sia dei parametri quantitativi (numero di spermatozoi) che qualitativi
(motilità).Inoltre,l'esame risulta relativamente attendibile in quanto non segue i criteri consigliati dal WHO.Comunque,considerato il tempo da cui cercate figli,l'età di Suo marito e,probabilmente,la Sua età,credo che porre una diagnosi andrologica sia esiziale.Ho la sensazione che Suo marito non sia stato seguito da un esperto andrologo e che il quadro clinico sia appannaggio del solo ginecologo...In tal caso sarebbe come affidarsi al caso.Ne parli con il medico di famiglia.Cordialità.