Utente 255XXX
Gentili dottori, in particolare dottor Marino che ha già usato la cortesia di rispondermi in precedenza, sono completamente nel panico poiché non riesco a capire se sto facendo una cura necessaria o meno.
Riassumo brevemente. A seguito di un controllo per problemi di irritazione oculare mi è stata riscontrata un' elevata pressione oculare (occhio sinistro 24 - pachimetria 539, occhio destro 19 - pachimetria 510 e per entrambi gli occhi nervo ottico normale, ambito maculare normale retina ovunque sul piano) );ho poi effettuato una tonometria che ha dato come risultato: occhio sinistro 25 - 22 - 21 - 21 -22; occhio destro 21 - 20 -18 - 17 - 19. Infine ho eseguito un esame computerizzato del campo visivo (per intenderci quello che prevede di premere un pulsante ogni volta che l'occhio percepisce l'accendersi di una lucina bianca) che ha ugualmente dato esiti nella norma.
A questo punto mi è stato prescritto Carteabak collirio al 2%, una goccia al giorno in entrambi gli occhi.
Ai successivi controlli la pressione risultava più bassa (prima 15 entrambi gli occhi, poi 13 a destra e 15 a sinistra). Ho chiesto se potevo dunque interrompere il collirio, considerando che tutti gli altri esami erano nella norma, ma mi è stato detto che dovevo utilizzarlo a vita. Ho chiesto ulteriori delucidazioni ma ho ricevuto la brusca risposta che ero padronissima di diventare cieca nel giro di 10 anni e che comunque se volevo interrompere il trattamento potevo farlo ex abrupto, mentre io facevo presente che sul bugiardino si sottolineava la pericolosità di una brusca interruzione e al contrario la necessità di una sospensione graduale.
Da allora vivo con un'ansia continua, in più, anche sul vostro forum, leggevo di una signora che dopo aver usato per ben 13 anni un collirio antiglaucomatoso si è sentita dire che non era affatto necessario ed ha interrotto.
Io vorrei interrompere la cura non essendo pienamente convinta della sua necessità, scalando gradualmente la posologia ma non so come fare,
Sono nel panico più totale, potete aiutarmi? Grazie di cuore
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Mia cara Signora,
mi pare che nel suo caso il collirio anti glaucoma
sia indicato.
Avere una pressione oculare tra i 12 -15 mmHg è
il goal terapeutico di qualsiasi centro glaucoma nel mondo.
Ricorda il detto
"una mela al giorno leva il medico di torno "?
orbene
"una goccia di collirio al giorno
debellerà per tutta la sua vita il rischio di una cecità"...

Mentre per il caso da Lei citato
relativo ad un altro utente di medicitalia
il caso era molto diverso
dal suo
mi creda
a presto
suo luigi marino
[#2] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottor Marino la sua gentilezza non smetterà mai di sorprendermi e spero che, al contrario, la mia testardaggine non la sorprenda in negativo: il fatto è che io ho bisogno di capire ed essere convinta di quel che faccio.
Dunque dagli esami effettuati ho un sospetto di glaucoma? E' per questo che la cura è necessaria?
Sia gentile, mi dia quest'ultima risposta: se, come lei mi consiglia, continuo la cura e poi a settembre ripeto i controlli, compresi quelli che lei mi ha suggerito in precedenza, c'è la possibilità che io non debba portare avanti a vita la cura?
Grazie, grazie, grazie!
[#3] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Già, quello che dice Luigi è sacrosanto!

Dagli esami effettuati, Lei non ha il glaucoma (l'esame del Campo Visivo non presenta alterazioni) ma corre seriamente il rischio di avere danni alle fibre nervose della retina (e quindi "il glaucoma") se non tiene bassa la pressione oculare. Gli esami che farà in futuro serviranno soprattutto a capire se la cura è efficace o se sarà necessario apportare delle modifiche, magari cambiando il tipo di collirio in uso.

Noi ci laviamo i denti al mattino non perché siamo malati ai denti, ma per conservarceli in salute il più a lungo possibile. Allo stesso modo, in alcuni casi è necessario mettere una goccia negli occhi una volta al giorno, per mantenere gli occhi in salute per tutta la vita. Il compito di noi medici è mettere il paziente in guardia quando vi sono questi rischi, poi ognuno può ragionare di testa propria...

Se si vuole evitare di instillare colliri per tutta la vita, ci si può anche sottoporre alla Selective Laser Trabeculoplasty (SLT). Provi a parlarne con il collega che La tiene in cura.

In bocca al lupo!
[#4] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Grazie anche a lei dottor Pascotto.
Capisco il senso del suo esempio e chiaramente concordo, il fatto è che le ricerche in Internet talvolta aiutano e molto più spesso instillano dubbi...
Avendo letto che non sempre pressioni lievemente alterate sono da considerare pericolose, per cui primi di istituire una terapia a vita occorre valutare una serie di indicatori clinici, avrei solo voluto che il collega che mi teneva in cura (e sottolineo teneva .... il garbo della risposta fa parte della terapia) effettuasse tutti gli esami inerenti la patologia, come indicava anche il dottor Marino, con più di 2 misurazioni si assicurasse che davvero la pressione fosse costantemente elevata e poi procedere ...
Ora comunque ho cercato di razionalizzare per cui ho deciso di proseguire con il collirio fino a settembre e poi con calma rivolgermi ad un professionista che sappia coniugare, come lei ed il dottor Marino, professionalità e garbo.
Grazie davvero.
[#5] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Bene,

Nel Suo modo di esprimersi si nota che almeno il panico e l'ansia dichiarati ad inizio discussione si stiano assopendo. È proprio così che bisogna fare: si affronta il problema razionalmente e si decide ciò che viene considerato più conveniente, sulla scorta delle informazioni acquisite.

Buon proseguimento e, già che ci siamo, buon fine-settimana! ;-)
[#6] dopo  
Utente 255XXX

Iscritto dal 2012
Cari dottori Marino e Pascotto, ritengo doveroso informarvi circa gli sviluppi del mio "caso clinico".
Dopo aver continuato negli ultimi due mesi ad instillare una goccia di Carteabak un'unica volta al giorno, la scorsa settimana ho effettuato nuovamente il controllo della pressione oculare che risultava attestata su un valore di 10 mmhg per l'occhio sinistro e 11 mmhg per l'occhio destro. Mi è stato così prescritto di interrompere totalmente l'uso del collirio e di ripetere dopo una settimana il controllo, cosa che ho effettuato stamani, ottenendo come valori 16 mmhg per l'occhio sinistro e 17 mmgh per l'occhio destro; inoltre mi è stata ripetuta la pachimetria che risultava discorde nei valori rispetto a quella effettuata precedentemente presso altro studio medico, registrando un valore di 537 per l'occhio sinistro e 531 per quello destro.
La diagnosi è stata di una "situazione da tenere sotto controllo ma da non trattare allo stato attuale con alcuna terapia".
Tra un mese dovrò effettuare un nuovo controllo.
Sebbene sia quello che speravo, terrei molto conoscere anche il vostro parere.
Grazie
[#7] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Personalmente, sono molto d'accordo con le indicazioni del Suo oculista.

Continui così!