Utente 257XXX
Buongiorno dottori.Vi chiedo ,se in uno stato ipertensivo indotto da attacco d'ansia con valori approssimativi di 145/95 anche in terapia(lobivon 1c+giant 1c sera),nel momento stesso in cui si manifestino questi valori ,eseguire a livello si scarico di tensione, una corsa o attivita' fisica medio-moderata possa essere utile,o meglio aspettare la conclusione del disturbo ansiogeno ed eventualmente eseguire in un secondo tempo tale attivita' con valori pressori normali.(questo onde evitare ulteriori aumenti di PA nel momento) .E chiedo ,anche se ,puo' essere nella normalita',dopo un periodo di stabilita' pressoria normale,per effetto della terapia,possa capitare una mattinata, di avere una ricaduta in cui la PA aumenti..sopratutto dal risveglio in avanti,senza apparenti motivazioni.(anche se,credo probabilmente ,un motivo ansiogeno, anche camuffato, possa esserne la causa principale.grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Una moderata attivita' aerobica non puo' che farle del bene. Consideri che la mattina e' normale avere dei valori aumentati soprattutto al rsiveglio
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
si,e' vero.perche'dopo un periodo che la PA era normalizzata avere constatato nuovamente un' aumento mi ha causato preoccupazione.ora pero' e' su valori normali.la terapia la continuo.la ritiene idonea per il mio disturbo,perche' dagli enzimi cardiaci ed ecocardiografia era risultato tutto nella norma solo il ventricolo un po' ipercinetico dovuto a questa pressione sopratutto la minima,che in stato d'ansia si aggira tra i 90 e 95.comunque mi hanno diagnosticata un'ansia reattiva focalizzata sulla PA.e oltre allo xanax da 0,25 assumo giant e lobivon.certo che controllo la pa forse troppe volte e questo mi genera la preoccupazione.in stato d'ansia manifestata ho avuto anche un ecg alterato con fc 108b/m-diversamente un altro fatto e' risultato in ambulatorio migliore con fc 86 b/m.al pomeriggio e sera la pressione e' decisamente migliore,anzi talvolta bassa,se in stato tranquillo puo' anche arrivare a 95/65.e' come se soffrissi da sindrome del camice bianco ,mi ha detto un dottore,e poi a casa tutto bene,ma a volte questo disturbo compare anche senza motivi e senza ansia sembrerebbe oppure no,e' difficile capirlo,sono gli sbalzi che mi preoccupano e la sindrome ansiosa che scarica sul cuore i pensieri ansiogeni.cmq da tutti i controlli,anche esami solo il ldl e colesterolo tot un poì piu' alto :155 LDL -218 tot sto seguendo una dieta il piu' possibile ipolipidica(sale l'ho eliminato),e anche i dottori cardiologi e medico di base mi hanno detto che va curato l'asppetto psicologico che mi disturba e quindi e'un problema psichiatrico in cui la sindrome ansiosa e' la causa.lei che ne pensa dottore.ho cercato di essere il piu' sintetico possibile.grazie.cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno, Dottore...In aggiunta alla mia replica di ieri,le chiedo,cortesemente ,vista la ipertens mattiniera lieve di tipo ansioso di cui soffro,se la terapia,a suo giudizio e' buona,ma come potrei ordinarla nell'arco della giornata per una miglior copertura protettiva dalle crisi ipertensive?Ad esempio, lobivon meglio sera o mattina ?giant sera pomeriggio o mattina?e lobivon mezza al giorno e' sufficiente o meglio arrivare ad una anche spezzata mezza nel mattino e nella sera?Il mio medico di famiglia mi aveva portato ad un quarto al giorno ,ma un cardiologo in una visita medica mi aveva consigliato ad aumentare a mezza/die(perche'lo riteneva un dosaggio insufficiente) per poi arrivare ad una cmp al giorno in autunno.Ma il giant a che ora lo potrei assumere?Inoltre,essendo un forte emotivo prendo anche la benzodiazepina sera e mattina.se vuole aspetto un suo suggerimento per la terapia,sempre se puo' indicarmi un consiglio .Per questo motivo.la ringrazio comunque molto per la sua risposta di ieri e le auguro buona giornata.cordialmente!
[#4] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
la posologia e l'orario di assunzione dei farmaci nel suo caso mi sembrano più che corretti.
[#5] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
si, quindi lobivon mattino una(o mezza matt.e mezza sera) e giant sera va bene? Le volevo dire come ultima domanda,a parte i valori pressori un po' alti al mattino ,circa 140/95 alla prima misurazione e poi in discesa nelle successive misuraz.,al pomeriggio e alla sera oltre ai valori pressori normali o talvolta bassi, ho trovato dall'apparecchio ,a riposo e alla sera oltre alla pa normale bassa una fc di anche 46b/m.per poi stabilizzarsi sui 60 quando mi muovo o anche 70 nella normalita' e in attivita fisica 85 anche 100 dopo la corsa.....! Ma 46 b/ m a riposo non le sembra troppo poco per un lieve iperteso per assumere anche i farmaci che prendo?cioe' che lobivon e giant non mi causino bradicardia eccessiva o posso continuare tranquillo il dosaggio che assumo da gennaio anche con valori PA e FC bassi ?sono i continui sbalzi che mi preoccupano.grazie dottore,se vuole,aspetto la sua risposta.cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno,Dottore.Chiedo quale dei farmaci antiipertensivi in commercio ,(giant,captopril,lobivon )etc. ,possono avere un 'azione diuretica? Io assumo per una lieve ipertens.Lobivon 5mg mezza mattino tutti i giorni,per avere valori piu' marcati della PA al mattino,Il curante di famiglia,mi ha sospeso in agosto il giant perche' avendo la PA bassa nel pomerig.e piu' bassa alla sera (anche 80/55.mediamente sera in posiz. supina 95/65),ha ritenuto, per il caldo eccessivo,ed essendo una ipertens.di tipo ansioso che si manifesta solo al mattino ,non superando mai valori di 150/100,solo in caso di disturbo ansioso,e' mediamente anche di mattina 130 /85.(enzimi cardiaci e ecotomografia nella norma.a parte il ventricolo leggermente ipercinetico dalla pa alta,ora regolata dai farmaci anche benzodiazepinici,)ecco, ho notato solo una diminuzione della minzione mattiniera concomitante con la sospens.del giant,(come se prima e sopratutto urinavo di piu')nessun altra sintomatologia particolare,con la sudoraz.elimino piu' liquidi e assumo il lobivon regolarmente.La pa e' piu' alta al mattino, ma riemtra nella norma (solo la minima puo' anche arrivare ai 90,piu' alta con l'influenza ansiosa.sera bassa,FC pure bassa la sera 60 bpm giorno-50 sera.Le chiedo:coi valori bassi anche cosi' posso stare tranquillo?Puo'essere che prima urinavo di piu' perche'assumevo il giant? Il captopril da 25 mg che mi ha consigliato il curante,al posto del giant e solo in caso di necessita' all'occorenza in casi di pa elevata,tipo 150/100 circa e non meno,ma non usato come terapia continuativa,oltre allo xanax benzodiazepinico da 0,25 mg,puo'essere una giusta soluzione,visto i miei valori bassi ,la sera e il gran caldo.?E l'associaz captopril+idroclorotiazide da 50+25mg puo'essere ancora meglio visto che e' anche diuretico?si tratta cmq di terapia usata a lungo termine o al momento del bisogno questa?Tenga presente che porto a lungo termine il lobivon che continuo nonostante il caldo e la sospensione del giant e' stata decisa solo per il periodo in essere per la pa troppo bassa e il caldo.se puo' mi risponda secondo il suo parere specialistico.Grazie ancora.Cordiali Saluti
[#7] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dr.-Se avesse tempo,e se e' nella sua possibilita' ,con assoluta discrezione,mi piacerebbe e la attendero'pazientemente,una risposta in merito alle repliche #5 e #6, di cui non ho ottenuto risposta.ma se puo',non ho fretta.Comunque,in quello che mi ha risposto,la ringrazio moltissimo.Cordiali Saluti e Buon Lavoro.
[#8] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
La terapia antipertensiva va adeguata alle temperature atmosferiche. In autunno il suo curante vedra' se e' il caso di apportare variazioni. Cari saluti








[#9] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
grazie dottore .buona giornata
[#10] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dr.Miraglia-siccome,per ipertens.lieve sono in cura con mezza lobivon /die,e lunedi devo fare esami specifici:dosaggio renina -angiotens.-aldosterone,cortisolo urinario delle 24h-dosaggio catecolamine-acth-e anche serotonina plasmatica(a tal proposito le chiedo la differeza dell'esame standard della serotonina e serotonina piastrinica ,che ho sentito in rete,la fanno solo a bologna;Sopratutto per il dosaggio renina uno specialista endocrinologo mi ha detto va sospeso il lobivon e tutti i farmaci anti ipertensivi per questo esame da 5gg,ad eccezione del norvasc che non interferirebbe coi valori dell'analisi dell'esame.e che posso assumere in caso di necessita' di PA alta al bisogno.LE domando:1)e' pericolosa una sospensione del beta bloccante anche per poco tempo per questo tipo di esami,ma poi riprenderla regolarmente:non vorrei parlare di brusca e continua sospens.ma solo temporanea.Io soffro di ipertens .lieve,prendo la mezza pastiglia da gennaio,nessun problema collaterale.2)se e' realmente accertato che per questo tipo di esami solo il norvasc non altererebbe il risultato.Grazie.Aspetto la sua risposta,se puo'!Cordialmente.
[#11] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
gentile Dottore:dopo attivita fisica lieve in campagna con temperature basse:almeno 10 gradi( prima eravamo circa a 30).ho notato immediatamente dopo l'attivita anche se lieve,ma era freddo una Pa alla prima misuraz. di 170/107.per poi scendere a riposo dopo un minuto a 145/98 e alla terza 135/88 e poi alla normalita.Mai ho riscontrato un primo valore cosi alto'Quando eravamo a 30 e anche piu' gradi ,dopo mezz'ora di corsa moderata la Pa alla prima misurazione era 135/80 con aumento vistoso della FC anche 98 bpm a seconda del tempo e intensita' della corsa.,al limite si poteva arrivare a 140 in sistole ma con diastole sempre nella norma.Le chiedo se il freddo o drastico abbassamento delle temperature puo'essere responsabile di questi squilibri;e se e' pericoloso continuare nell'attivita' con questi valori o meglio sospendere.Devo dire pero' che da quando faccio questo tipo di attivita' fisica anche con il caldo,io che soffro di ipertens lieve controllata con mezza lobivon al die ed1 pastiglia di captopril 25 o norvasc da 5 mg all'occorrenza;la PA mi si e' molto stabilizzata in discesa e migliorata sopratutto di sera arrivando anche a valori di 95/70,e poi e' arrivato il freddo a complicare le cose.Secondo lei va bene tutto cio' ,come mi devo comportare?O mi devo preoccupare?Tenga presente che sono un ansioso e l'ansia si focalizza,nel mio caso proprio alzandomi la pa ,per cui i primi valori sono sempre piu' alti:tipo al mattino al risveglio:145/95 per poi scendere se sono piu'tranquillo.UN'ultima cosa:ho notato a riposo alla sera o pomeriggio ,da quando faccio piu' movimento fisico una fc che arriva anche a 44 bpm.non e' troppo bassa?se puo'sarei felice se mi rispondesse.So che avete tanto lavoro e molti utenti,ma mi tranquillizerebbe molto ricevere una risposta gentile e professionale da un esperto come lei Ancora Grazie:Attendo la sua risposta
[#12] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
la cosa migliore per studiare l'andamento della pressione in corso di stress fisico è eseguire un ecg sotto sforzo.
[#13] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
grazie dottore e buona giornata.Ne parlero' col medico curante per un eventuale prova da sforzo.Cmq non mi preoccupo,continuo le terapie che spero vadano bene (lei che ne pensa?),e casomai mi segnalassero variaz. di terapia presumo sia dopo questo esame od ulteriori accertamenti.Cordialmente La saluto.
[#14] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dr.Le chiedo tre cose:1) mi conferma che l'attivita' fisica anaerobica giornaliera (l'ho personalmente sperimentato) e' un 'ottimo rimedio per tenere la PA a valori normali tendenzialmente bassi:per chi soffre d'ipertensione un vero rimedio per tenere i valori sotto controllo quasi meglio delle terapie farmacologiche.(mi riferisco a massimo un 'ora di corsa leggera o jogging +qualche esercizio fisico leggero come flessioni,etc al giorno con costanza).Valori rilevati di 150 su 100 come ipertens essenziale quasi scomparsi con l'attivita' fisica leggera a parte qualche caso sporadico presente piu' al mattino o sotto stato d'ansia. Valori riscontrati dopo tre mesi di attivita e appena un 'ora dopo l'esecizio :105/65 in media.-2) assumendo 1/4 di lobivon al mattino e mezza mattina e sera di norvasc da 5 mg ho notato il miglioramento del norvasc per tenere la pa normale molto meglio del lobivon che agisce di piu' sulla FC.crede che la terapia cosi' impostata di norvasc possa andare bene?del lobivon non ho nessun problema ad assumerlo 1/4 al die anche se con l'attivita' fisica la fc in serata si abbassa notevolmente :50 bpm per questo il medico mi ha consigliato da mezza di tornare ad un quarto visto che scopro a volte la fc bassa. Lei che mi suggerisce.puo' andare bene una terapia cosi'impostata o meglio qualche aggiustamento?e il norvasc potrei eliminarlo o prenderlo solo nei casi di pa alta (all'occorenza?) 3) non fumo piu da 9 mesi sapendo i danni che provoca il fumo di sigaretta.,ma per un 'iperteso le sigarette elettroniche che vendono nelle farmacie(T fumo) ,per le persone che non possono farne a meno ,provocano rischi come quelle con tabacco catrame e nicotina?certo meglio niente,ma se uno non potesse farne ameno queste elettroniche possono causare cmq controindicazionio se ne puo' fare uso tranquillamente? grazie dottore