Utente 604XXX
A seguito dell'estrazione dell'ottavo inferiore sinistro si è verificata quella che ho inteso essere una parestesia del labbro inferiore sinistro, estesa a parte del mento e alla zona interna della gengiva. Ho letto su questo sito di casi simili al mio, con complicanze dovute però a edema o gonfiore della parte operata, cosa che nel mio caso non si è assolutamente verificata. L'estrazione è stata fatta tagliando il dente in due parti (il dente era già completamente uscito), e l'unico imprevisto è stato determinato da due piccoli frammenti di radice, saldati all'osso (così mi è stato detto), che sono stati rimossi con la fresa. Durante questa fase, poichè sentivo dolore, mi è stato fatto un supplemento di anestesia. A distanza di un mese, non ho ancora recuperato la sensibilità del labbro inferiore, e desideravo sapere se è il caso di eseguire indagini approfondite, per verificare se c'è stato qualche problema al nervo. Ho assunto Zitromax il giorno prima dell'estrazione e per i 3 giorni successivi e,in seguito, su consiglio del medico, ho preso un neurotrofico in compresse,Benexol, senza nessun miglioramento.Sono preoccupata, poichè temo di lasciar passare del tempo che potrebbe rivelarsi prezioso per un eventuale intervento tempestivo. Grazie per la risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Capozza
40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
La mancanza di sensibilità, nella zona interessata, è completa oppure parziale? Ci sono stati comunque miglioramenti dal giorno dell'estrazione?
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 604XXX

Iscritto dal 2008
Purtroppo la mancanza di sensibilità è completa (non sento neppure la differenza caldo/freddo), ho una sensazione continua di torpore, proprio come se fossi ancora sotto l'effetto dell'anestesia, e non ci sono stati miglioramenti nel corso di questo mese.Grazie per la risposta.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Utile eseguire una radiografia digitale della zona, dopodichè fare la mappatura della zona analgesica, controllandola ogni 15 giorni. se il trauma è stato meccanico, bisogna considerare la gravità della lesione (semplice lesione parziale superficiale o profonda, o lesione totale)in questi casi la "restitutio ad integrum" avviene molto tardi, dai 6 agli 8-10mesi circa; se invece la lesione è di carattere chimico (da anestetico) nel giro di 3-4 mesi max dovrebbe rientrare tutto nella norma. In ogni caso deve avere pazienza.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 604XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto della Sua risposta. Mi pare però di capire che, anche con indagini come quelle da Lei consigliate, non mi si potrà dare nessuna certezza sul recupero della sensibilità. Il mio dentista mi aveva anche parlato della possibilità di fare delle iniezioni (Tricotin se ricordo bene),per accelerare il recupero, però ho molti dubbi e temo di fare qualcosa di sbagliato che possa creare altri problemi. Confesso che l'esito di questa estrazione mi sta turbando molto, anche perchè avevo già rimosso alcuni anni fa altri due denti del giudizio, tra l'altro in un'unica seduta (!), senza nessun tipo di conseguenza. Quindi ho eseguito questo intervento in tutta tranquillità e senza preoccupazioni, e mai mi sarei aspettata di ritrovarmi in questo stato.
Grazie ancora per i Suoi consigli.
[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile paziente, in tutta onestà, a distanza di un mese, non c'è da essere troppo ottimisti circa una risoluzione completa.
I margini di miglioramento ci sono ancora, ma su tempi lunghi già descritti dal dr. Muraca, dopo di che la lesione se non si è risolta deve considerarsi stabile.
Per questo la già suggerita mappatura è importante, per poter "monitorare" i progressi.
[#6] dopo  
Utente 604XXX

Iscritto dal 2008
...sono passati altri 6 giorni e nessun cambiamento rilevante, solo ogni tanto qualche leggero formicolio al labbro (che mi sembra comunque un buon segno). Fra due giorni eseguirò un Dentascan e sto proseguendo la cura a base di vitamine (Benexol).
Desideravo sapere se dall'esito dell'esame sarà possibile stabilire già da ora se la lesione sarà permanente, o se invece esiste qualche altro tipo di indagine diagnostica da eseguire per accertare con sicurezza che grado di lesione c'è stata. Grazie in anticipo per la risposta.
[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro utente, per poter controllare il decorso del nervo alveolare inferiore occorre eseguire una Risonanza. Comunque le torno a ripetere che i tempi di recupero sono lunghi. Bisogna armarsi di pazienza.
Colgo l'occasione per augurarle Buona Pasqua