Utente 262XXX
Buonasera a tutti...
ho un problema da circa due settimane che mi infastidisce alquanto...
Come si evince dall'oggetto della mia discussione, da due settimane l'odore del mio pene è davvero sgradevole... sa quasi di pesce andato a male!
Ho letto alcune risposte date, ma non sono proprio identiche al mio caso...
Ho 20 anni compiuti da poco ma non ho ancora avuto rapporti sessuali quindi, da totale ignorante sull'argomento, ho escluso a priori la Gardnerella vaginalis, o, perlomeno, l'ho esclusa in base alle domande lette fino ad ora...
All'inizio credevo di dovermi lavare più energicamente, ma, a quanto pare, il problema persiste... sinceramente mi vergogno un po' a farmi visitare da un medico a causa del mio carattere molto, anzi, direi eccessivamente discreto... certo se non ci fosse altro modo , cercherò di superare la timidezza, anche se vorrei evitare di doverlo fare.... cosa potrebbe essere? questo problema è davvero imbarazzante... se lo sento io l'odore, anche con i vestiti si intende, non oso immaginare cosa sentono gli altri.... e tra l'altro da un po' sono fidanzato con una ragazza molto carina e potrebbe essere la volta buona... e non vorrei fare una figuraccia.... ve ne prego, aiutatemi! Attendo risposta e vi ringrazio anticipatamente!
Andrea

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente


per accertare di cosa si tratta, l'unica possibilità è una valutazione in diretta che permetterà anche di valutare qse e quali esami culturali impostare, purtroppo da questa postazione non è possibile fare una diagnosi e quindi neppure consigliarle una terapia. Se riesce a vimcere la sua timidezza ne può parlare al suo medico di base che valutata la situazione la invierà dallo specialista competente.

cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

purtroppo, in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.