Utente 262XXX
Salve a tutti gli egregi dottori, avrei un quesito da porvi, io (40 anni) e mia moglie (34 anni) stiamo tentando di avere un bimbo da ormai un anno e passa, dai vari controlli già fatti non è emerso nulla di patologico sia a me che a mia moglie. In questo ultimo periodo mi sono deciso a fare un intervento chirurgico riguardante l'asportazione di una fistola sacro- coccigea che ho da molto tempo ma che ultimamente ha creato un ascesso con fuoriuscita di sangue misto a pus. Per questo motivo devo assumere via orale due compresse al giorno di clavulin antibiotico, per 10 gg. Questo antibiotico può compromettere la mia spermatogenesi? Ovvero danneggia la qualità dello sperma? Grazie infinite per le eventuali vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

un antibiotico preso per così pochi giorni non altera la sua fertilità e comunque conviene fare un esame del liquido seminale prima di iniziare tale cura così nel caso servisse confrontarsi in futuro potrà confrontarsi. La ricerca di un figlio comunque necessita sempre di un controllo su entrambi i partner, questo per ridurre i tempi di attesa ed impostare un percorso che soddisfi le esigenze di entrambi.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio dottore per la cortese risposta....
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prego e se servisse siamo sempre a disposizione.

Ancora cordialita'
[#4] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
Sempre molto gentili per la vostra disponibilità, a dire il vero io e mia moglie stiamo attraversando un periodo non felice per il fatto che non arriva un figlio da ormai 15 mesi di tentativi dopo visite estenuanti e stressanti sia a me (visite specialistiche) che a mia moglie. La nostra rabbia è che ancora a tutt'oggi non è emerso nessun problema sul quale perlomeno affrontare un percorso terapeutico.A questo punto saremmo propensi per affrontare la prima linea di fecondazione assistita ovvero la IUI, naturalmente sempre sotto il controllo di persone competenti e specializzate... che dire.. una tristezza infinita!