Utente 262XXX
Salve a tutti Dottori.. volevo porvi una domanda " curiosita' " sono un uomo di 36 anni ho avuto una vita sessuale direi nella norma con l'altro sesso, fatto di periodi di abbondanza e periodi di digiuno nell'arco dei ventanni, poi x problemi di complessi miei " ero ingrassato non lavoravo " mi sono chiuso in me, non uscivo piu' con i miei amici e rimanevo dentro, ricordo che in quel periodo non avevo piu' rapporti sessuali e quindi dovevo fare da solo visto il desiderio, ricordo che il mio eiaculato era nella norma " quantita' " e che la forza d'espulsione era buona anche masturbandomi 3 volte a settimana o due nello stesso giorno, poi un giorno all' eta' di 32 anni avvertì un dolore " fastidio" all'altezza del monte di marte x 1 o 2 mesi circafino alla totale scomparsa dello stesso, 3 anni fa' notai una riduzione dello sperma e a periodi la forza d'espulsione variava da inesistente a normale . 2 anni fa x un tempo indeterminato comparve un dolore al tatto al testicolo sx posteriore ma comunque sopportabile, ad oggi è quasi scomparso lo sento solo molto raramente al tatto, il tutto continua con un nuovo dolore al testicolo dx ma questa volta nella parte laterare " lato coscia x capirci" sento come una specie di tendine che passa al suo lato e quando lo tocco fa un po' male, poi ho notato che lo stesso a secondo se eiaculo o no tende a sgonfiare, questo inverno un giorno io e la mia raggazza abbiamo solo fatto petting non arrivando pero' allo svuotamento e durante il tragitto a casa mi vennero forti dolori allo stesso testicolo, tornato a casa mi sono dovuto masturbare e cosi il dolore scomparve quasi del tutto. Oggi la quantita' a differenza dei 27 28 anni non è piu' la stessa e anche la forza d'espulsione non esiste piu' come un tempo, poi se faccio l'amore con la mia ragazza x due volte consecutive alla seconda volta mi devo impegnare anche molto mentalmente x eiaculare e comunque escono poche gocce. Secondo voi si tratta di una cosa normale alla mia eta' ? cioè visto che a ventanni gli ormoni sono piu' elevati a 36 tendono a diminuire la quantita' e la spinta dendono a variare? grazie in anticipo x la vostre risposte.

Cordiali saluti !!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

certo l'età non gioca a favore ma non possiamo certo pensare solo a questo fattore per spiegare i suoi disturbi.

Si ricordi che in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa o le cause del suo complesso problema andrologico e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
salve grazie x la velocita' :) la penso anche io così e faro' una visita andrologica quanto prima, io desideravo solo sapere se ci sono stati casi analoghi al mio e di cosa si trattava .. non cerco una cura online mi creda voglio solo dei pareri. Grazie ancora x la sua cordialita'
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

dalla complessa descrizione dei suoi sintomi difficile trovare il bandolo della matassa per riuscire a capire qualcosa senza poter valutare il tutto in diretta.

Senta ora o risenta il suo medico di famiglia e poi, sempre su sua indicazione, un esperto andrologo.

Ancora un cordiale saluto.