Utente 128XXX
Salve, ero indecisa se postare qui il consulto oppure nella sezione dermatologia o anestesia...insomma spero comunque che possiate aiutarmi..mio marito ,30 anni, soffre di orticaria cronica idiopatica (la chiamano da stress) da 8 anni circa. Solitamente ha manifestazioni particolarmente intense 1-2 volte l'anno che tiene a bada con zaditen e aerius e inizialmente con qualche fiala di bentelan...le manifestazioni hanno una durata di un paio di mesi. Ad aprile giocando a calcetto si è rotto il menisco, e a settembre dovrebbe subire l'intervento. La mia preoccupazione è L'anestesia.....lui ha l'orticaria da 10 giorni causa tanto lavoro e poco riposo..circa 3 ore a notte storia che va a vanti da un mese e piu...abbiamo 2 bambini...lavora a 1 ora e mezza da casa e guida mattina e sera....insomma non riesce a trovare il tempo x rilassarsi ne vuole mettersi in malattia come consigliato dal medico alla diagnosi definitiva...quando dava troppo doveva fermarsi ma lui non si ferma mai...povera me!! Eheheh! Comunque la mia domanda è questa: con una manifestazione di orticaria in atto può sottoporsi tranquillamente all'intervento o deve prima far sparire del tutto l'orticaria magari stando rilassato e in malattia (mannaggia ci provo sempre :)) ? Sono molto ansiosa e questa orticaria mi spaventa...vengono ovunque..testa palpebra, orecchie, labbra, palmo della mano , pianta dei piedi,a volte gli vengono in gola e non le dico i pensieri che mi vengono....nonostante questo lui non fa niente per prevenirla :/....scusate lo sfogo, e grazie del tempo dedicatomi. Un caro saluto...Lucia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
L'orticaria idiopatica per definizione e' da causa sconosciuta
per cui lo stress funge da fattore scatenante o aggravante
come i farmaci antinfiammatori, le infezioni ecc.
E' difficile da gestire ma non impossibile sia con antistaminici
Ad alto dosaggio ( fino a 3-4 volte la norma ) che in associazione
con altri farmaci immunomodulatori( cortisonici, inibitori della cacineurina)
Il problema dell'intervento al menisco
e' relativo perché ormai lo eseguono in anestesia locale che e' molto
Ben tollerata e che viene preceduta da una premedicazione con
Antistamini e cortisonici . Dunque stia serena.
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimo Dr.
L'intervento è stato rimandato xk la lista è lunga ed hanno avuto un blocco nelle operazioni x un mese. Dobbiamo richiamare a fine settembre x sapere qualcosa. La ringrazio per la risposta