Utente 967XXX
Salve

Un mese fa mi sono sottoposto, in un centro estetico, a un trattamento di criolipolisi ai fianchi.

Il "rossore" e l'alone che il macchinario (proshock ice) ha provocato, mi è stato garantito, sarebbero scomparsi entro poche ore. Ciò nonostante uno dei due fianchi continua a presentare un alone rossastro.

Ricordo che a quel fianco accusai forti formicolii un minuto prima che il macchinario interrompesse il flusso.

L'alone di cui parlo è una ustione dovuta dal ghiaccio? come mi si consiglia d'intervenire per limitare il danno?

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Dario Graziano
44% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2010
gentile utente, è difficle darle una risposta senza una visita diretta. Le posso sicuramente consigliare di evitare di esporre al sole la parte interessata. Utilizzi quindi crema solare a protezione totale e si rivolga ad uno specialista per una valutazione più accurata.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

la criolipolisi è una metodica non invasiva utilizzata per la riduzione delle adiposità localizzate mediante il congelamento del tessuto adiposo.

Nei giorni successivi per apoptosi si avrà una graduale riduzione delle cellule adipose senza ulteriori danni per tessuti e vasi contigui alla zona trattata.

Gli unici effetti collaterali che possono presentarsi subito dopo la seduta sono arrossamento cutaneo, formicolii, ecchimosi, ridotta sensibilità.

Se a distanza di un mese è ancora evidente un eritema cutaneo non credo si debba preoccupare di "limitare il danno"...ma di sottoporre l'area interessata a valutazione medica.

Se vuole, mi aggiorni pure.

Cordialmente.
[#3] dopo  
Utente 967XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per le risposte. Cordialità