Utente 262XXX
Gentile Dottore vorrei sapere cosa comporta la mutazione A1298c eterozigote della metilen-tetraidrofolato reluttasi (MTHFR) e la mutazione omozigote della PAI-1 per me e per una eventuale gravidanza.
Ps. l'omocisteina e gli altri esami per la trmbofilia sono nella norma o assenti.

La ringrazio.
[#1] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,
la metilentetraidrofolato reduttasi (MTHFR) è un enzima presente all'interno delle cellule che regola il metabolismo dell’omocisteina che a sua volta è un derivato di un aminoacido. Come tutte le proteine presenti nel nostro corpo esso può andare incontro a trasformazione per alterazioni (danno) del gene coinvolto nella sua costruzione. Esistono vari danni genetici a carico di questo enzima. La variante C677T sul gene MTHFR, provoca una riduzione dell'attività enzimatica del MTHFR fino al 60% negli eterozigoti e fino al 30%nei soggetti omozigoti. Esiste anche un'altra variante del gene MTHFR (A1298C) che è esattamente quella da lei citata che porta ad un altro tipo di . A tale sostituzione è stata associata una ridotta attività enzimatica pari al 60% nel caso di variante del solo nucleotide 1298 del gene MTHFR (A1298C) e a circa il 40% se presente in associazione alla variante C677T. Ricerche scientifiche hanno messo in evidenza come elevati livelli di omocisteina possano essere responsabili di aumento del rischio di trombosi, specie se associato alla variante del Fattore V o del Fattore II . Inoltre in condizioni di carenza alimentare di acido folico, la presenza di uno dei polimorfismi dell’MTHFR omozigote mutato o di entrambi in uno stato di eterozigote composto, porta a livelli molto bassi di acico folico nel plasma e ad un rischio di difetti del tubo neuronale nel feto di donne in gravidanza. L’iperomocisteinemia e l’età della donna (>39 anni) sono fortemente associati con il rischio di sviluppare eventi trombotici durante una IVF. L’iperomocisteinemia è infine associata anche ad un rischio maggiorato di aborto spontaneo.
Per quanto riguarda invece le anomalie genetiche che possono colpire il PAI 1 occorre precisare che sul gene del PAI-1 può essere presente ciò che in genetica è noto come polimorfismo del tipo 4G/5G. Alcuni studi hanno dimostrato che questa anomalia 4G/5G può essere associata a livelli plasmatici elevati di PAI-1, con conseguente rischio di malattie coronariche, e nelle donne in gravidanza aumentato rischio di abortività.
Lei mi parla di omozigosi per PAI 1, quello che posso dirle che molti studi scientifici hanno evidenziato che i livelli di PAI-1, nei soggetti omozigoti per l’allele 4G sono di circa il 25% più alti che nei soggetti omozigoti per l’allele 5G . L’omozigosi per l’allele 4G è presente nel 25% della popolazione normale e nel 10% della popolazione patologica per eventi trombotici. La sua rilevanza aumenta se accompagnata da altri fattori di rischio, quali la variante Fattore V Leiden o la variante G20210A sul Fattore II. Infine, l’allele 4G è associato anche ad un rischio aumentato di aborti spontanei.
La causa di questi fenomeni patologici è legata al fatto che - per i portatori dei geni alterati - il sangue tenderebbe a coagularsi più facilmente (all'interno di vene ed arterie) dando origine a fenomeni di tipo trombotico ed embolico, ciò comporterebbe, a sua volta - nel caso della donna in gravidanza- il rischio di andare incontro ad aborti spontanei.
Quanto affermato sopra, tuttavia, non è assolutamente la regola.
Dire che potrebbe capitare non vuol dire di avere la certezza o di essere esposti ad un grosso rischio di aborto.
La materia, come vede, è piuttosto complessa e difficile da semplificare, quello che posso dirle e di recarsi ad un centro (ce ne sono molti nelle ASL e negli ospedali) di malattie ereditarie correlate alla procreazione, oppure in ambulatori di genetica medica.
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio moltissimo per la risposta ma le volevo chiede anche se, dato che ho portato una gravidanza a termine ma con problemi alla mia bambina di tipo trombotico, volevo sapere se in futuro, avendo voglia di fare un altro bambino, ci potrebbe essere un problema di questo tipo al futuro nascituro.
La ringrazio