Utente 841XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni, il problema che mi turba in questo periodo è questo: ho avuto un periodo molto difficile a luglio, stressante causa convivenza andata male ecc... ora esco con una nuova ragazza e mi si è ripresentato un problema già avuto circa 2 anni fa sempre dovuto al cambio di ragazza... durante i rapporti... ad un certo punto sento che il pene perde rigidità...porto a termine il rapporto ma la cosa mi scoraggia molto...feci già 2 anni fa una visita andrologica in cui non riscontrarono nulla di anomalo, tutto ciò quindi può essere riconducibile come in passato ad un'ansia,stress e quant'altro? Grazie a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da quello che ci scrive sembrerebbe un problema situazionale, relazionale, in sintesi su base psicologica, ma ora bisogna sentire in diretta ancora il suo andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
se la visita andrologica ha escluso cause organiche, non ha escluso contemporaneamnete cause psichiche correlate alla vulnerabilità erettiva-
Le allego qualche articolo per ulteriori spunti di riflessione.
V.Randone
http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-10-cose-da-sapere
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
In sintesi: Lei stà attraversando un periodo di particolare fragilità ed insicurezza. L'erezione è sempre negativamente influenzata da problemi del genere, quindi è facile avere la tendenza a perderla. Naturalmente si tratta di un problema che verrà superato presto o tardi. Se non riesce a rilassarsi e continua a permanere una forte ansia di non farcela, è meglio che si faccia aiutare come Le è stato già suggerito. Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
mi aggiungo. Alla mia non più verde età ho visto qualche centinaio di ragazzi giovani arrivare in ambulatorio impauriti da deficit erettivo, e sostenere a gran voce essere psicologico. Strano che andassero da un medico e non da uno psicologo. Gli stessi ragazzi poi tiravano un gran sospiro quando da visita ed esami9 saltava fuotri che il problema era psicologico e non fisico, ed una percentuale importante si "sbloccava" autonomamnte dopo la diagnosi. Salvo poi confessare che erano terrorizzata da avere una malattia. Consulti un collega esperto e chieda diagnosi chiara: ormonale, circolatoria, prostatica, o psicogena. Poi partimao da lì, che il resto sono illazioni.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Coraggio e, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua "giovane" età, approfitti di questo "disturbo-malessere" per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.