Utente 245XXX
Salve Dottore le scrivo perchè avrei bisogno di un consulto..
L'anno scorso ho svolto attività di animazione presso villaggi turistici e la vita era molto stressante..dormivo tre ore a notte e bevevo molti caffè.
un pomeriggio mentre stavo riposando ho accusato una forte tachicardia con formicolii diffusi..al pronto soccorso mi hanno detto che si trattava di un attacco di panico dovuto ad un troppo stress fisico e una possibile crisi di spasmofilia..
Quando sono tornata a casa continuavo ad accusare tachicardie, extra sistole, nodo alla gola,formicolii diffusi, giramenti di testa e spasmi.le visite neurologiche non hanno messo in evidenza nulla e le riporto in evidenza invece l'esito dell'esame cardiologico:
Obiettivamente non soffi significativi, toni pure, pause libere.
Ecg nei limiti della norma
Ecocardiogramma: ventricolo sx di normali dimensioni, normali spessori parietali
Normale cinetica,fe 65%
Atrio sx e sezioni di dx nei limiti
V. mitrale: normale escursione dei lembi, tracce minime di rigurgito
v.aorta: tracce minime di rigurgito
NESSUNA RELAZIONE TRA I SINTOMI RIFERITI E I RILIEVI STRUMENTALI
profilassi di endocardite infettiva
controllo tra 3 anni.
Io dottore le chiedo se davvero quello che è stato rilevato non ha una relazione con i miei sintomi che accuso a volte ancora..
Ho letto su internet che molte persone che hanno il prolasso accusano i miei sintomi.
Il mio Dottore mi ha detto che non ho assolutamente nulla ma che sono strumenti talmente sofisticati che rilevano anche un minimo difetto.
Posso stare tranquilla??Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Verosimilmente lei ha presentato degli attacchi di panico.
Dall ecocolordoppler cardiaco che lei riporta non c è alcuna traccia di prolasso mitralico.
Se tali disturbi dovessero ripresentarsi, è opportuno che lo segnali al suo medico il quale valuterà la opportunità di idonea terapia .
Cordialmente
Cecchini