Utente 263XXX
Buongiorno,

ho 35 anni. Ho una cardiopatia congenita: trasposizione corretta delle grandi arterie con stenosi polmonare sottovalvolare. Da qualche gg mi hanno trovato un calcolo renale di 3mm e sto facendo terapia espulsiva più antibiotici dato che nel pomeriggio mi appariva un pò di febbre. Nel 2003 ho avuto un'endocardite batterica, scoperta dopo emocoltura che mi portava sempre una febbricola persistente tutti i gg nel pomeriggio/sera, curata con dose massiccia d'antibiotici in ospedale via vena.Nel 2009 ho avuto alcuni interventi hai denti, e mi sembra che il dentista abbia fatto la profilassi con antibiotici per bocca x 3\5 gg. L'anno scorso ho messo un perno in un dente, ma non mi sembra d'aver fatto profilassi x l'endocardite. A parte il calcolo, la febbricola potrebbe essere anche causata da una recidiva d'endocardite dato che probabilmente (quasi sicuramente) l'ultima volta che sono andata dal dentista non mi hanno sottoposto a profilassi? Fra l'altro anche in qs momento anche se non particolarmente fastidiosa, ho una carie in un dente. Grazie Pamela

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Deve eseguire un ecocolordoppler cardiaco e se la febbre persistesse avvertire il suo cardiologo per eventuali accertamenti diagnostici (es emocoltura) e relativa terapia. Una persona come lei dovrebbe SEMPRE sottoporsi a profilassi antiendocardite in caso di manipolazioni dentarie, manovre ginecologiche ed endoscopie.
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Ringraziandola per la risposta rapida e chiara,

le chiedevo un altro chiarimento:

prima di essere dimessa dal reparto di urologia qualche giorno fa mi è stata fatta un' emocoltura ma non nel momento di picco della febbre.
Mi è stata fatta al mattino quando avevo attorno ai 37 gradi....

può essere comunque valido come esame o bisogna eventualmente rifarlo in un altro momento quando eventualmente si ha la febbre più alta?

Grazie
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se l'emocoltura fosse fatta al momento del picco febbrile (3 campioni da 3 vene diverse) sarebbe piu' attendibile
Cordialita'
cecchini
[#4] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera,

cosa intende per manovre ginecologiche?

Per es. ecografia vaginale interna e pap test?

Grazie

Pamela

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
esatto.
anche in previsione di queste e' opportuna una profilassi anti endocardite.
arrivederci
cecchini
[#6] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
A Settembre dello scorso anno ho fatto entrambi senza profilassi...

Saluti
Pamela
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se avesse avvertito i medici della sua situazione e non le fosse stata praticata e' una negligenza, che per fortuna non ha creato problemi.
cordialmente
cecchini
[#8] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Lo spero dottore.
Al momento la febbre non c'è, mercoledì ho finito l'antibiotico che l'urologo mi ha dato per la febbriciattola secondo lui portata dal calcolo. Non so ancora il risultato dell'emocultura, lunedì 20 ho l'ecografia renovescicale e proverò a chiedere, anche se forse essendo stata fatta senza febbre o con poca potrebbe non evidenziare nulla, è così?

Volevo inoltre chiederle se potrebbe farmi un elenco delle "situazioni" in cui devo fare la profilassi per l'endocardite.

Grazie

Pamela

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le ho già elencate nel primo post
Arrivederci
Cecchini
[#10] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
ok, La ringrazio.

Volevo solo un'altra conferma: mi conferma quindi che se l'emocultura è stata fatta senza febbre o con poca febbre, non potrebbe rilevare il batterio?

Grazie

Pamela
[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'endocardite acuta ha un andamento febbrile di tipo settico (puntate elevate con brivido e defervescenza anch'essa rapisa, sudorazione profusa) legata alla batteriemia (la presenza di batteri nel sangue).
per tale motivo si consigliano 3 emeocolture da tre vene diverse ( con una provetta per aerobi ed anaerobi- per un totale di 6). i prelievi debbono essere eseguiti in tre accessi venosi diversi, per evitare falsi positivi.
arrivedeci
cecchini