Utente 257XXX
Ho 18 anni e l'ho scoperto l'anno scorso studiando biologia. Ora finalmente ho trovato il coraggio di parlarne a mio padre. Ovviamente l'ha presa come pensavo (per questo ho tenuto la cosa nascosta per un anno): ritiene che da piccolo non ho fatto la "ginnastica" che il pediatra aveva consigliato. Premetto che avevo circa 4-5 anni e lo ricordo a mala pena, ma mi faceva malissimo e quindi, quando all'età di 5 anni, stando a quello che dice mio padre, lui e mia madre avrebbero affidato il "compito" a me, io non lo avrei svolto... . Ma, ripeto, mi faceva malissimo e, probabilmente era prevedibile che un bambino non l'avrebbe fatto. Questa cosa mi ha portato una sorta di blocco mentale e, quando nella prima adolescenza cercavo di scoprire il glande, non ci riuscivo, ma credevo che poi la cosa si sarebbe risolta col primo rapporto sessuale. Inoltre a mio padre sembra strano che non abbia sentito il "bosogno" di scoprire il glande all'età di circa 12 anni... al che non gli ho detto che per masturbarsi non era necessario! Infatti ero molto imbarazzato e mi sembrava alquanto volgare dirlo. Precisato ciò , ora mi chiede di esercitarmi da solo!!! Io ho appena finito di litigare con lui dicendo che non ho alcuna intenzione di rischiare un'emorraggia, visto che mi sono documentato.Ora ha già chiamato il medico e a giorni farò una visita. Specifico che l'atmosfera in casa è diventata pesantissima. Cosa mi devo aspettare dalla visita andrologica? Il medico cercherà di scoprire il glande? Solo se ci penso mi seto morire. E' vero quello che mio padre pensa? Come mi devo comportare? Ceme devo reagire ai suoi attacchi? Io temo che il medico mi darà creme dicendo di "esercitarmi". Ho una paura tremenda di ciò perchè credo che non ce la farei. Aiutatemi! T.T

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

Stia tranquillo e vedra' che il medico le dara' i giusti consigli, prima di tutto bisogna fare una diagnosi poiche' se di fimosi serrata si tratta non esistono terapie mediche ma solo chirurgiche. Durante la visitacerchi di rilassarsi e cerchi di resistere alla tentazione di spostarsi, il fatto che ilsuo glande sia stato coperto per cosi tanto tempo aumenta la sua sensibilita', ci aggiorni.

Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Oggi finalmente ho fatto la visita. Ero imbarazzatissimo e non riuscivo nemmeno a parlare! Comunque il medico ha detto come prevedevo: la fimosi è serrata (infatti non ci è proprio riuscito a scoprire il glande) e quindi a breve dovrò sottopormi ad un piccolo intervento. Non ha dato molta importanza al fatto che da piccolo non abbia fatto la "ginnastica". Ora mi sento più leggero, mi sento meglio, nonostante il problema ci sia ancora. Infatti so che la soluzione è vicina (spero prima della riapertura delle scuole). L'unica cosa che mi sono scordato di chiedere è un controllo al varicocele, per prevenzione. Magari avrà visto che non c'era nulla di strano forse. In ogni caso glielo chiederò la prossima volta. Grazie mille dott. Maretti!
Ps: chiedo scusa per l' "orrore" ortografico nella domanda (..."emorraggia" al posto di "emorragia"...), quando scrivo col telefono mi capita spesso T.T
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prego e quando servisse siamo a disposizione.

Ancora cordialità