Utente 264XXX
Salve, sono un ragazzo di 28 anni di Pisa. Ho conosciuto una ragazza di 36 anni a cui è stato diagnosticato il papilloma virus; pare sia stata infettata per un ex che aveva avuto rapporti con delle prostitute. In particolare mi ha detto di avere il tipo 16 e 70. I medici le hanno detto che è localizzato in fondo, sul collo dell'utero. Ma che non si deve allarmare perché, sebbene trascorsi anni, sembra essersi stabilizzato. Inoltre, soffrendo di orticaria e avendo assunto cortisone ed essendo in cura per questo problema, non è stato possibile intraprendere una cura mirata per il papilloma. La mia domanda è la seguente, io come partner maschile, sono tenuto a usare il preservativo oppure essendo un rapporto destinato a durare posso farne a meno? Quali rischi corro? è vero che non è detto che il maschio venga contagiato? e trattandosi del tipo 16-70 a quali problemi vado incontro? la tipologia sembra escludere problemi cutanei. Grazie dell'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

prima di tutto è necessario usare il profilattico nei prossimi rapporti sessuali e procedere ad una visita specialistica per verificare se sono presenti eventuali papillomi. La visita è indispensabile anche per una valutazione di quelle aree di maggior dubbio diagnostico che solo attraverso un controllo diretto è possibile diagnosticare. valutato il tutto se servisse siamo a disposizione per ulteriori aggiornamenti.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio, dottore. è necessario che vada dal medico di famiglia dicendo che devo fare una visita dall'andrologo, senza dargli tante spiegazioni e poi sarà l'andrologo a fare tutti i dovuti controlli, oppure mi devo comportare diversamente?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
E' a sua discrezione, segua il percorso che più le piace.

Cordialità
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
nel suo caso vale la pena di riivolgersi ad un andrologo o dermatologo esperto in malattie sessualmente trasmesse per una valutazione clinica e glandoscopica che valuti la presenza o meno di lesioni riferibili all' HPV.
l'uso del profilattico è molto opportuno
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per l'attenzione. Ho fissato una visita dall'andrologo. Se non è troppo complesso da spiegare e c'è una procedura "standard" da seguire, sapreste dirmi quali esami andrò a fare dall'andrologo per verificare l'eventuale positività all'HPV? Metteranno dei tamponi sul glande, oppure dovrò fare esami più invasivi e noiosi?
[#6] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Nessun esame in particolare solo un controllo visivo eventualmente associato a tamponature con ac. acetico nelle aree sospette.

Ancora cordialità
[#7] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
vi ringrazio. Adesso non resta che sperare nella negatività.