Login | Registrati | Recupera password
0/0

Angio-rm intracranica e dei vasi del collo

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012

    Angio-rm intracranica e dei vasi del collo

    Gentile dottore,
    L' esame di Angio-rm intracranica e dei vasi del collo con m.d.c. è stato eseguito a mia figlia di 16 anni che ha subito un'embolizzazione di MAV cerebrale. A seguito dell'embolizzazione si è presentata una tachicardia ( con 130-140 battiti al minuto a riposo), mal di testa e nausea giornalieri quindi il cardiologo, dopo aver eseguito tutti gli accertamenti e aver escluso problemi cardiaci, ci ha indicato di indagare nuovamente sul campo neurologico.

    Le trascrivo il referto dell'Angio-rm intracranica e dei vasi del collo con m.d.c. :

    " Esiti di embolizzazione di MAV paraspleniale sinistra CON RESIDUA ALTERAZIONE DI SEGNALE a livello della scissura parieto-occipitale e precuneo di sinistra. Il sistema ventricolare è in sede, di dimensioni e morfologia nei limiti della norma. Regolari gli spazi subaracnoidei della base e della convessità. Strutture mediane in asse. IMMAGINE OVALARE COMPATIBILE CON PICCOLO LINFONODO IN SEDE SOTTOCUTANEA RETRONUCALE A SINISTRA. Le sequenze angioRM arteriose e venose non mettono in evidenza residui vascolari degni di nota a livello della embolizzazione. Non alterazioni patologiche a carico dei principali collettori venosi intracranici; SI DOCUMENTA TUTTAVIA ASIMMETRIA DIMENSIONALE DEI SENI VENOSI TRASVERSO, SIGMOIDEO E DELLA GIUGULARE INTERNA PER PREVALENZA DELLA DESTRA SULLA SINISTRA. Regolari per origine, decorso e calibro i vasi epiaortici, in particolare pervie le arterie carotidi comune, interna ed esterna e le arterie vertebrali bilateralmente. La carotide interna a sinistra origina in prossimità dell'origine del tronco arterioso brachicefalico di destra. Pervie anche le vene giugulari. "

    1)Che cosa è e a che cosa è dovuta LA RESIDUA ALTERAZIONE DI SEGNALE?

    2)Cosa significa : "SI DOCUMENTA TUTTAVIA ASIMMETRIA DIMENSIONALE DEI SENI VENOSI TRASVERSO, SIGMOIDEO E DELLA GIUGULARE INTERNA PER PREVALENZA DELLA DESTRA SULLA SINISTRA." ?

    3)Che cosa si intende per :" IMMAGINE OVALARE COMPATIBILE CON PICCOLO LINFONODO IN SEDE SOTTOCUTANEA RETRONUCALE A SINISTRA." ?

    4)Secondo il suo parere a che cosa può aver scatenato LA TACHICARDIA che si è manifestata a mia figlia DOPO L'EMBOLIZZAZIONE?

    5)Quali ulteriori indagini dovremo fare secondo il suo parere per riuscire ad individuare la causa che ha scatenato la tachicardia (che impedisce a mia figlia di fare tutto ciò che faceva prima perché si stanca facilmente e anche il minimo sforzo fisico gli procura mal di testa e forte nausea) ?
    In attesa di una Sua risposta, La saluto cordialmente.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 14 Medico specialista in: Neuroradiologia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Utente 262641,

    è difficile rispondere alle sue domande senza conoscere accuratamente tutta la storia clinica e senza vedere le immagini RM e angiografiche...

    Per quel che posso dire "al buio", cercherò di chiarirle il più possibile i suoi dubbi.

    Domanda 1) per "RESIDUA ALTERAZIONE DI SEGNALE" si può intendere l'insieme degli esiti "cicatriziali" dovuti alla MAV, ai danni che essa potrebbe aver causato al tessuto cerebrale vicino e agli esiti della procedura di embolizzazione.

    2) l'asimmetria dei seni venosi è fisiologicamente molto frequente, di per sé non deve preoccupare.

    3) i linfonodi sono strutture normali, ove avviene la risposta immunitaria per esempio alle infezioni.

    4) La tachicardia ha moltissime cause, cardiache ed extracardiache. Se si è verificata in stretta vicinanza temporale con l'embolizzazione, può essere di natura cerebrale. E' stata descritta in diverse situazioni di danno cerebrale, con un meccanismo non chiaro. Se è dovuta alle modificazioni emodinamiche causate dalla MAV e dal suo trattamento, potrebbe spontaneamente ridursi e risolversi nel corso dei prossimi mesi.

    5) per prima cosa Le consiglio una valutazione da parte di un neurologo e del neuroradiologo che ha eseguito il trattamento.

    Sperando di esserLe stato utile

    Cordialità



    Dr. Nunzio Paolo Nuzzi
    Direttore S.C. Neuroradiologia Diagnostica e Interventistica - E.O. Galliera Genova
    paolo.nuzzi@galliera.it

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2012
    La ringrazio moltissimo per le sue risposte. Una risonanza magnetica funzionale potrebbe essere indicativa per venire a conoscenza di un eventuale danno cerebrale? Mia figlia presenta spesso spasmi muscolari (che prima dell'intervento non aveva). Da cosa potrebbero essere provocati? Distinti Saluti.



Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27/11/2013, 14:32
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06/03/2014, 22:26
ultima modifica:  14/10/2014 - 0,06        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896