Utente 264XXX
Gentili medici,
dopo dieci giorni di intenso dolore alla schiena ho deciso di richiedere una radiografia a pagamento: vi riporto l'esito nelle righe successive.

Ipercifosi dorsale e scoliosi dorso-lombare con curva principale sinistro-convessa. Osteopenia. Esito di frattura somatica di discreta entità a carico di D10 con corpo vertebrale che appare deformato con riduzione d'altezza nella porzione centrale di circa un cm rispetto all'altezza somatica posteriore. Minima deformità del soma anche di D9 e D11. Quadro meritevole di controllo a distanza. Lievi segni di spondilopatia degenerativa con iniziale artrosi delle articolazioni posteriori. Normale ampiezza degli spazi intervertebrali. Schisi posteriore mediana di S1.

Nell'attesa dell'appuntamento con il mio medico curante, potete aiutarmi a interpretare il significato di tutto il quadro clinico? E' qualcosa di grave e irreversibile? Come si può curare? Sono condannata ad avere sempre questo mal di schiena? E' preoccupante il crollo vertebrale?
Scusate per le numerose domande, è che sono un po' preoccupata...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Giordano
32% attività
8% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Gentile signora, dalla radiografia è emerso che una vertebra (precisamente D10), in passato, si è fratturata, crollando su se stessa. Generalmente questi quadri sono correlati con una condizione di osteoporosi che indebolisce l'osso e lo espone a fratture e crolli anche per sollecitazioni di minore entità (chiaramente ci sarebbe da indagare su eventuali traumi da lei subiti in passato). Non è detto che questa frattura sia la causa del suo dolore e bisognerebbe visitarla per capire il tipo e la sede precisa del dolore; cercare inoltre di discriminare se, ad esempio, sulla vecchia frattura si sia sovrapposto qualche altro cedimento dell'osso, o se il dolore dipende più da un'eventuale concomitanza di ernia del disco (eventualmente appurabile con una risonanza magnetica da effettuare non prima di una visita accurata). Il suo rachide inoltre presenta una scoliosi cioè una patologica curvatura che si porta avanti da quando era ragazzina, un'ipercifosi cioè una curva accentuata del suo busto in avanti, ed una schisi di S1 (piccolo difetto congenito) molto probabilmente di nessuna rilevanza.
Volendo rispondere alle sue domande, diciamo che non definirei i suoi problemi qualcosa di grave, ma sicuramente di irreversibile (che non vuol dire non curabile!); chiaramente la frattura non può scomparire, ma esistono tante soluzioni per alleviarle ed infine farle passare il dolore per vivere una vita regolare.