Utente 264XXX
Circa un anno fa a seguito di controllo di routine al seno (esame mx e dobiscore birabds 3) oltre che una mastopatia fibrocisticfa diffusa in entrambi i seni 2 neoformazioni solide capsuulate e modicamente disomogenee.

ESAME RM con e senza MCD del 2011: displasia fibroadenosica con arre di maggiore vascolarizzazione e ciurve di enharcement tempo di tipo I; a sx a sede sopra equatoriale area di 8mm con curva di tipo 2 a margini non netti (BIRAD3) altra placca si apprezza sempre a sx in corripsondenza dell'unione quadranti interno/esterno di impegnazione di tipo 2, non patologiche linfoadenopatie ascellari"

Dal controllo e visita effettuata nel mese di agosto 2012:
MAMMOGRAFIA: struttura mammaria densa, di aspetto fibro-nodulare, con margini sfumati e posta in contesto di maggiore disordine struttura. si consiglia esame ecografico e FNAB.

FNAB: cisti quadrante aupero esterno mammella sx cellule epiteliali duttali in metaplasia aprocina sospetta.

RM con e senza MCD 2012: componente ghiandolare con apprezzabilità di formazioni del tipo cistico di cui le maggiori in corrispondenza della regione sopra areolare interna dx di circa 18 mm e del QSE a sx con diametro di circa 20 mm. dopo infusione di mdc di evidenziano multiple millimetriche aree di impregnazione nodulare a distribuzione csuale in entrambe le mammelle. in fase tardiva diffuso enharcement ghiandolare con apprezzabilità di ulteriori multipli foci di enharcement. il reperto RM orienta per displasia fibroadenosica ad elevata vascolarizzazione.

Dati i nuovi esami (RM e soprattutto FNAB della formazione del seno sx) mi ha consigliato vivamente l'aportazione della formazione cistica reputandola fortemente di natura sospetta, per gli oppurtuni approfondimenti (esame Istologico), anche se altro medico, oncologo, mi ha prospettato l'ipotesi di aspettare 6 mesi, ripetere gli esami per poi decidere il da farsi.
Io sono molto confusa atteso che la cisti attenzionata classificata di tipo II, dallo scorso anno è già passata da 8mm a 20 mm. Cosa mi consiglia?
RINGRAZIO


[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
C'è poco da essere confusi.

Non vuol dire che ci si debba aspettare una lesione maligna, ma c'è da quanto scrive l'indicazione CHIARA e ASSOLUTA, anche in considerazione della sua età, alla asportazione della lesione descritta.

NON FRA 6 MESI , ma appena possibile.

Tanti saluti e ci aggiorni se lo desidera.
[#2] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio infinitamente.
Approfitto ancora della sua cordialità per chiederle se, per la sua esperienza professionale, ritiene opportuno fare l'agoapirato anche della formazione localizzata nella mammella destra che, al contrario, il mio medico sostiene non essere ancora preoccupante.
Attendo un suo consiglio, grazie e buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dovrei vedere gli esami strumentali. L'agobiopsia trova indicazione per le lesioni dubbie o sospette in modo particolare, o per confermare una benignità o per confermare una malignità.

Ne parli al momento dell'esame con il collega.

Quella di sinistra invece merita un accertamento istologico.
[#4] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Grazie ancora delle preziose indicazioni.
[#5] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dr.Catania, ho effettuato l'intervento chirurgico consigliato per la neoformazione sospetta.Il campione di biopsia (diffuso addensamento parenchimale di cm 6x4x3 nel quale è stato repertata area nodulare di cm 2x1.5).
Le riporto il referto della biopsia:
I prelievi totali effettuati mostrano parenchima mammario caratterizzato dalla presenza di focolai di iperplasia duttale, usuale ed atipica, cisti apocrine, adenosi florida e sclerosante e dalla presenza di un'area morfologicamente compatibile con "radial scar" (valutati anche con colorazioni immunoistochimiche per citocheratina 5/6 ed actina muscolare).
L'entità delle modificazioni proliferativa presenti rende opportuno, comunque, attento follow up.
SNOMED
T-04030 M-72150 M.74200 G-A248

Alla luce del referto sopra indicato, sono stata rassicurata circa la malignità della lesione con controlli (ecografia) tra 6 mesi.
Ritiene che possa stare tranquilla?
Come sempre la ringrazio per la sua preziosa cortesia.

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività +60
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
La "radial scar era quella che creava maggiori preoccupazioni diagnostiche, perchè pur essendo benigna
può simulare un quadro neoplastico maligno dal punto di vista clinico-mammografico e macroscopico.



Certo che può stare tranquilla, anche se va considerata la lesione tra i fattori di rischio , anche se modesto

Leggi

http://www.medicitalia.it/minforma/senologia/64-fattori-indicatori-rischio-carcinoma-mammario.html

e

http://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno