Utente 264XXX
...è giusta la sezione?

beh...
Salve a tutti, e grazie in anticipo per tutte le vostre preziose risposte che, disinteressatamente, voi medici che partecipate a questo sito date agli utenti. Grazie ancora!

Adesso passo alla mia domanda:

sotto il mento, un pò a sinistra, e precisamente quasi nel punto in cui va ad iniziare il collo ho un neo...
non vado quasi mai a toccare lì, ma ieri (ormai devo dire "l'altro ieri", dato l'orario) sono andata casualmente a sfiorare quel neo e, con sorpresa, l'ho sentito sensibilmente più grande rispetto a quel che mi aspettassi. Senza specchio e continuando a toccare ho sentito sottopelle una specie di rigonfiamento. Credendo fosse un brufolo, dato che ogni tanto ancora capita che mi escano dei brufolotti magari col pus interno, mi è venuto da tentare di schiacciarlo. Non l'avessi fatto...! non era un brufolo, sicuramente.
Adesso se tocco mi dà dolore e in generale comunque il fastidio un pochino lo sento... lo sento il "peso", che c'è qualcosa di troppo! è una sensazione scomoda...!
Già 5 anni fa ebbi esperienza con una cisti nei pressi della zona genitale, quindi mi sembra di capire che sia una ciste anche in questo caso.
Ma... qui mi preoccupo di più, perché c'è un neo di mezzo. Ho letto brutte cose riguardo ai nei, quindi..........
Comunque...! Questo impostore :) è interno, sottopelle, non esce materia di nessun tipo. Noto solo che il neo che c'era prima è diventato più...sporgente!!
Vorrei andare dal dottore, magari il prima possibile, quindi non vorrei sbagliarmi: da chi vado?
Medico curante?! Non credo...! Forse direttamente d aun chirurgo, che potrà valutare la situazione subito...
mi dareste voi questa dritta? La mia domanda è questa.

Poi aggiungo:

1) cosa pensate di questo caso, è possibile che una ciste si formi in prossimità di un neo anche se sottopelle, o devo già pensare a qualcosa di bruttino?

2) in una eventuale operazione, mi asporterebbero assieme sia il neo, sia l'eventuale ciste?

3) in una singola operazione, quanti nei è possibile asportare, in zone diverse?

Grazie infinitamente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Penso che possa rivolgersi intanto al suo Medico Curante. Il Collega, se lo riterra' opportuno, la inviera' poi a fare accertamenti strumentali o Visite Specialistiche.
Inoltre:
1. Tutto e' possibile, anche una cisti sotto un neo.
2. Si puo' fare, anzi direi che e' inevitabile asportare entrambi.
3. Dipende dall'anestesia locale: non se ne puo' fare complessivamente piu' di un tot (che varia da paziente a paziente) e quindi in genere ci si limita a due o tre.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
risposta utilissima, grazie di cuore!

1.Il mio Medico curante adesso è in ferie, tornerà il 4-5 settembre... pensa che potrò aspettare tranquillamente fino ad allora, o prima si interviene e meglio è?
O forse conviene pure, dato che mi dà dolore, (e fastidio anche se non tocco, cosa che ormai evito di cuore!!) e ho letto che è meglio intervenire quando la cisti (se di questo si tratta lì dentro :))) ) non è infiammata? Io l'altro ieri ho "aiutato" il tutto schiacciando un pò stupidamente, quindi... -___-"

2.dopo un'eventuale operazione in una zona così delicata (la scorsa cisti era vicino ad un ...osso, almeno! qui mi pare una zona talmente delicata! :) ) per quanto tempo all'incirca si devono tenere i punti? Quanto può metterci la pelle a risanarsi del tutto?

grazie ancora di cuore, e adesso auguro una buonissima giornata a lei e a tutti gli altri medici
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
1. Se il suo Medico Curante e' in ferie deve avere lasciato un sostituto (per legge): puo' rivolgersi a lui. Da qui obbiettivamente non e' facile capire se si tratti di una patologia che puo' attendere o se siamo in una fase tale da richiedere un trattamento piu' vicino nel tempo.
2. Un intervento per rimozione chirurgica di una neoformazione superficiale comporta una cicatrice che si chiude in 8-10 giorni (piu' o meno il tempo di togliere i punti di sutura) e che si consolida in due-tre settimane.
Aggiungo che e' senz'altro vero che una cisti si puo' asportare nel momento in cui non e' presente un processo infiammatorio.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 264XXX

Iscritto dal 2012
Grazie infinite davvero, dottore!!!

un'ultima curiosità: una cisti che dia dolore è una cisti che presenta un processo infiammatorio?
Quindi, finché toccarla mi farà sentire fastidio/dolore non sarà possibile intervenire?
Dovrebbe andare ad essere necessariamente una "pallina" che non dà fastidio?

Cordialissimi saluti a lei,e buon lavoro e buon tutto!
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Una cisti causa sempre un po' di fastidio, ma se questo fastidio diventa dolore, e la parte intorno risulta arrossata, e' molto probabile che ci sia un processo infiammatorio in atto. Per il paziente pero' non e' facile distinguere: meglio farsi aiutare dal Medico.
Cordiali saluti