Registrati | Recupera password
0/0

Dolori forti a schiena, che si irradiano alle gambe

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008

    Dolori forti a schiena, che si irradiano alle gambe

    Gent.mi Dottori,
    Vi scrivo per esporre un problema che mi porto avanti da una decina di giorni.

    Ho iniziato avendo dei dolori all'altezza della pancia ed al fondo della schiena su tutta la lunghezza sopra le natiche in linea orizzontale...i dolori poi si sono espansi, irradiati nelle gambe, e pulsano come se fossero dei "lampi" continui...ho le gambe che fanno male, il dolore a volte arriva sino ai piedi ed ho le gambe molli, mi sento debole e mi gira anche un pò la testa.

    Devo dire, ho chiamato il Dottore, mi ha riscntrato dei problemi allo stomaco, in effetti erano giorni che andavo in bagno con diarrea, allora mi ha dato dell'Imodium e del Buscopan al bisogno.

    I problemi allo stomaco son passati, credo fosse un virus, mentre i dolori al corpo continuano, e non credo proprio sia influenza, anche perchè me l'ha confermato il medico.

    Vengo da 3 mesi di dieta, e da 1 mese e mezzo di palestra (pero' con pesi leggeri), non so se siano stati quelli, o se io abbia dei problemi piu' gravi...mi sento un pò strano, ed ho molta paura, vorrei una vostra opinione, ovviamente farò delle analisi, ma secondo voi è riconducibile ad una malattia grave?Ditemi sinceramente ciò che pensate.
    Vi ringrazio.



  2. #2
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    VOLEVO AGGIUNGERE UNA COSA: E' LA PRIMA VOLTA CHE UTILIZZO QUESTO SERVIZIO, E NON AVEVO ASSOLUTAMENTE IDEA DI DOVE INSERIRE IL PROBLEMA SOTTOPOSTO (OVVERO IN QUALE SPECIALISTICA), PER CUI L'HO INSERITO IN "MEDICINA GENERALE"...OVVIAMENTE NON SAPENDO A QUALE BRANCA APPARTENGA, CREDO CHE I MEDICI SPECIALIZZATI IN QUESTO TIPO DI PROBLEMI POSSANO DARMI UNA MANO.

    Grazie.



  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Gentili Dottori,
    questa mattina mi sono svegliato ed i dolori erano ancora piu' acuti, non ce la facevo piu' e cosi' sono andato al Pronto Soccorso.

    Mi hanno fatto gli esami del sangue:

    ESAMI ESITO Valori Riferimento

    Globuli Bianchi 8.46 4 - 9
    Globuli Rossi 4.79 4.6 - 5.8
    Emoglobina 14.70 13.9 - 16.7
    Ematocrito 41.90 41.0 - 52.0
    Vol.crep.medio 87.50 81.0 - 95.0
    Conc.corp.media 30.80
    Conc.media emoglob. 35.20 27.0 - 34.0
    RDW 12.80
    HDW 2.64
    Piastrine 140.00 150.0 - 450.0
    Vol.Med.Piastrin. 8.00
    Neutrofili 73.40 39.0 - 51.0
    Linfociti 15.30 20.0 - 48.0
    Monociti 6.20 3 -11
    Eosinofili 2.80 2 - 6
    Basofili 0.80 0 -1.50
    LUC 1.50
    Neutrofili ass 6.21 1.5 - 6.0
    Linfociti ass 1.29 1 - 3
    Monociti ass 0.52 0.1 - 0.9
    Eosinofili ass 0.24 0.1 - 0.5
    Basofili ass 0.07 0 - 0.1
    LUC 0.13

    ATT PROTROMBINICA
    attività % 91% 70 - 120
    INR 1.07 0.8 - 1.27

    APTT T.Trombopl.parz.att
    APTT T.tromboplastina parz.att 32.0 27 - 41
    Ratio 0.96 0.8 - 1.24

    Fibrinogeno 262.0 150 - 400
    Glucosio 93.0 60 - 110
    Urea 32.0 10 - 50
    Creatinina 1.1 0.4 - 1.2
    Transaminasi AST (GOT) 19.0 4 - 40
    Transaminasi ALT (GPT) 19.0 4 - 40
    Proteine totali 6.7 6 - 8.2
    bilirubina totale 0.5 0.3 - 1.1
    CK Creatinfosfochinasi 133.0 20 - 150
    Latticodeidrogenasi LDH 227 150 - 450
    Sodio 142.0 135 - 145
    Potassio 4.0 3.5 - 4.8
    Calcio 4.3 4 - 5.1
    Proteina C-reattiva 0.8 0 - 0.5

    E poi mi hanno fatto i raggi x alla colonna vertebrale sacrale.


    Il loro orientamento diagnostico è: LOMBALGIA (ed una Gastrointerite virale per la quale mi hanno dato alcuni medicinali).

    ESAME RADIOLOGICO: COLONNA LOMBO SACRALE:

    SCHISI DELL'ARCO POSTERIORE DI S1.
    SI OSSERVANO INIZIALI ALTERAZIONI ARTROSICHE CON SEGNI DI OSTEOSCLEROSI SUBCONDRALE ALLE ARTICOLAZIONI INTERAPOFISARIE.
    RIDUZIONE DI AMPIEZZA DELLO SPAZIO DISCALE L5-S1.


    Insomma, ho cercato di riportare un po' tutti gli esami fatti...

    Solo che non ci capisco nulla, ovvero non capisco se gli esami del sangue in fondo vanno bene, e non capisco una parola riguardo l'Esame Radiologico.

    Se mi poteste dare una spiegazione ve ne sarei in grado, e in conseguenza alla spiegazione, se poteste dirmi, cosa si fa in questi casi.

    Vi ringrazio anticipatamente.



  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Che succede?E'la prima volta che utilizzo questo servizio...come mai non mi risponde nessuno?



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 17 Medico specialista in: Medicina di base

    Risponde dal
    2006
    Gentile utente,purtroppo per questi consulti non possiamo utilizzare il famoso 'colpo d'occhio',luogo comune tanto utilizzato dai medici del secolo scorso,sicuramente piu' preparati sotto il profilo semeiologico.Noi siamo figli della tecnologia esasperata,e tentiamo perfino mediante internet,di fare diagnosi o meglio di consigliare una scorciatoia.Gli esami strumentali sicuramente daranno una risposta,cominciando da una risonanza magnetica al tratto L-S, per poi nel dubbio continuare con gli organi addominali.
    I sospetti di una lobosacralgia con sciatalgia bilaterale da ernia
    discale L5-S1 sono giusti,tenendo conto dell'eta'(massima incidenza tra i 30 e i 40 anni)e dall'irradiazione del dolore.
    Si potranno escludere patologie intestinali cominciando con una ricerca di sangue occulto nelle feci e una coprocoltura.
    Probabilmente l'astenia muscolare e' concomitante con la pregressa diarrea, a causa di deplezione ellettrolitica.


    Nicola Di Fiore

  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 13 Medico specialista in: Medicina termale

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,
    i suoi esami del sangu esono sostanzialmente buoni. La sintomatologia dolorosalombare da Lei lamentata trova già una spiegazione nella radiografia eseguita in PS. La discopatia L5-S1 e la schisi descritte giustificano il dolore. E' evidente che il quadro radiografico descritto non è nuovo, ma solo oggi si manifesta (con il dolore) probabilmente slatentizzato da uno sforzo fisico o quant'altro. Una RMN del tratto L/S sarebbe sicuramente più esaustiva. Per quanto riguarda i suoi dolori addominali è possibile che siano legati alla sindrome influenzale. In ogni caso, qualora la sintomatologia dovesse persistere, potrà completare le indagini con una ecografia dll'addome superiore ed altri esami ematochimici.
    Cordiali saluti.


    Dott. G. Zizzi

  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Ringrazio entrambi i medici per le risposte che mi hanno dato!

    Effettivamente per ciò che riguardava l'addome era una questione di influenza cosi' come diagnosticato e da voi ribadito, ho preso per qualche giorno lo Yovis ed ora è tutto regolare.

    Cosa diversa invece è per i dolori alla schiena (anzi!)...i dolori sono aumentati!Eccome!Sto prendendo gli antidolorifici (al bisogno, cerco di prenderli il meno possibile), ma arrivo a dei punti di dolore da piangere...

    Inoltre mi gira la testa (io non so se è perchè sono ansioso di mio), ma gira e sono piuttosto instabile, i dolori irradiati, sono arrivati oramai quasi sino ai piedi, sono fortissimi, ed hanno coinvolto completamente le natiche.
    Inoltre,se prima mi faceva molto piu' male la gamba sinistra, ora mi fanno male entrambe, e fortemente anche le anche.
    Il dolore poi alla schiena (in fondo) adesso è davvero forte!

    Scusate se vi chiedo cose un pò estreme, ma vorrei solo essere tranquillizzato...ma tutto ciò è nella norma?Voglio dire...mali del genere possono essere portati solo da questo tipo di problema?(Per me è pazzesco pensare ke una cosa cosi' "piccola" possa "paralizzarmi" in questa maniera.......passo praticamente tutto il giorno nel letto, mi alzo ognitanto, cammino un po' faccio alcune cose, e devo subito ricoricarmi, fa troppo male...("""mi va bene""" che in questo momento non lavoro).
    Per quanto riguarda la RMN come si fa?
    Dove ci si rivolge?Quali possono essere i tempi?
    E...con questo tipo di analisi mi consigliate cmq delle sedute da un fisioterapeuta piuttosto che da un massaggiatore, per almeno lenire i dolori se non per tentare di risolvere il problema in parte?Perchè se i tempi dovessero essere anche solo di 20 giorni, non ce la farei cmq con questi dolori, credo che dovrei chiedere di passare ad antidolorifici (dal medico..se me li da') da rinc....mento totale.

    Per ora Vi ringrazio ancora!



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 17 Medico specialista in: Medicina di base

    Risponde dal
    2006
    Per prima cosa non perdere la calma,se di lombalgia si tratta,ne soffre un italiano su tre.La RM e' un'indagine facile da effettuare previa prescrizione del tuo medico curante ed e' convenzionata presso diverse cliniche o centri diagnostici.Per la terapia ti consiglio per il momento di non farti mettere le mani addosso da nessuno,fai tre giorni di Voltaren e muscoril i.m.,poi passa a Co efferalgan una cpr ogni otto ore,se il dolore e' ancora forte usa una supposta di Orudis o una fiala di Contramal da 50 Mg.
    Verifica il tono muscolare in attesa della RM camminando sui talloni e sulle punte dei piedi:se non ci riesci rivolgiti subito a un neurochirurgo per valutare l'intervento piu' adatto per liberare la radice nervosa schiacciata....ma forse sto correndo troppo!Comincia la terapia e se l'alluce dovesse essere insensibile usa Nicetile :tre cpr al di e Alanerv:una al mattino.Se proprio vuoi consultare uno specialista il piu' indicato in questa fase e' il fisiatra,ma ti ripeto stai attento alle prescrizioni che ti fa:potrebbero far precipitare la situazione.Ribadisco di rimanere calmo anche perche' queste patologie sono terribilmente influenzate dal cattivo tempo e,vista l'aria di bassissima pressione che sta interessando l'Italia, ti confesso che pure io ne ho subito le conseguenze.


    Nicola Di Fiore

  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Grazie Dottore,
    per ciò che mi ha detto (medicinali), devo avere le ricettte, oppure posso andare nella farmacia di turno e farmele dare?

    Ho provato a veriricare il tono muscolare cosi' come mi ha detto..camminando sui talloni e sulle punte dei piedi, ma ci riesco e i dolori non sono maggiori di quando sono in posizione eretta o cammino.

    Il grave è che sto passando le mie giornate a letto, perchè se mi alzo soffro tantissimo...e arrivo a punti di male che mi agitano ancora di piu'...infatti ho messo il pc fianco al letto e Le scrivo da qui, ma mi sento ormai un vegetale.

    p.s
    In pronto mi avevano dato da prendere il tachidol, lo pendo ma non e' che mi faccia piu' di tanto (nell'elenco che mi ha scritto ho letto CONTRAMAL, ricordo che lo usava mia madre, e lo reputava quasi """miracoloso""", solo che ci vuole la ricetta....per le cose che mi ha detto, per cominciare gia' oggi, come posso fare?



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 17 Medico specialista in: Medicina di base

    Risponde dal
    2006
    Tutti i farmaci che ho consigliato sono prescrivibili e rimborsabili dal SSN,il test sul tono muscolare serve a valutare un'eventuale deficit neuromuscolare, non per saggiare la soglia del dolore.Effettivamente il Tachidol e' uguale al Coefferalgan,e' indicato nel dolore meoderato,e quindi non fa miracoli.Comunque ricorda che il dolore non deve essere totalmente soppresso, in quando ci aiuta a 'dialogare' con la patologia,impedendo ulteriori danni alle strutture interessate, i farmaci forti ci illudono con un finto benessere.


    Nicola Di Fiore

  11. #11
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Lo so...in effetti ne prendo il meno possibile, solo che piu' passano i giorni e davvero e' sempre peggio, non sono sensazioni o autoimmaginazione...proprio sono sempre piu' bloccato!

    Il male è pressochè ovunque oramai, dalla schiena si è spostato anche un po' nel centro schiena e ovviamente sino agli stinchi.
    Inoltre ho un mal di testa, a forza di stare fermo (credo)...oggi sono uscito per andare dalla Dottoressa per fare l'impegnativa, e quella mezz'ora è stata ifernale!

    Inoltre adesso mi fa male anche dietro il collo (credo si chiami cervicale)...ho prenotato per la RMN ma ci vorranno 2 settimane....e che faccio in queste 2 settimane?

    Vorrei andare da un ortopedico, da qualcuno che mi faccia dei massaggi...perchè SONO PREOCCUPATO D'AVERE QUALCOSA DI PIU' GRAVE, E ALLO STESSO TEMPO NON CE LA FACCIO PROPRIO PIU' PER IL DOLORE!(avrò una soglia di dolore bassa....ma davvero qui il dolore è fortissimo!).

    Grazie in anticipo per la risposta Dottore.





  12. #12
    Indice di partecipazione al sito: 17 Medico specialista in: Medicina di base

    Risponde dal
    2006
    Non farti mettere le mani addosso,specialmente mediante massaggi.
    L'ortopedico sicuramente ti consigliera' una cura d'urto,per far bella figura e..per giustificare la parcella.Se di una lombosacralgia si tratta l'irradiazione del dolore e' tipica e ti posso assicurare che i pazienti che ne hanno sofferto,certamente la ricordano in modo drammatico.Queste patologie come accennato precedentemente,risentono della pressione atmosferica,piu' si abbassa piu' il dolore aumenta,perche' nei dischi intervertebrali a livello del nucleo polposo, e' contenuto del gas sotto forma di microscopiche bollicine diperse nel gel.Purtroppo se le perturbazioni atmosferiche continueranno a flagellare il nostro paese,la sintomatologia non migliorera'velocemente.Non ci crederai, ma nel passato quando ci furono i nubifragi a Roma e successivamente a Genova,molti pazienti ne risentirono a centinaia di KM di distanza,te lo posso assicurare perche' sono stato anch'io interessato dal problema, e mi fu confermato spontaneamente anche da altri pazienti,senza che io accennassi al fenomeno.
    In questa fase puoi irrigidire la rete o le doghe del letto,ma non usare materassi molto rigidi tipo quelli ortopedici:quindi va bene anche un materasso morbido,ma solo su una struttura rigida;successivamente va benissimo un letto con le doghe con un materasso semi-ortopedico.
    Metti una fascia di LANA stretta intorno alla vita(tipo pancera del nonno)oppure la classica Gibaud,e abbi fiducia,resisti fino al referto della RM.




    Nicola Di Fiore

  13. #13
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Grazie Dottore, queste informazioni sono quelle che ogni "malato" vorrebbe sentire, Lei mi ha spiegato (ovviamente che sia una lomboscciatalgia) nei dettagli e senza termini troppo difficili, di come stiano le cose.
    Aspetterò la RM, però nel frattempo dovrò proprio prendere qualcosa, perchè cosi' non posso proprio andare avanti!

    Senta le chiedo una cosa: è giusto che io resti tutto il giorno in un letto e mi alzi pochissimo, o fa bene o male uscire, sforzare, camminare, passeggiare?Ho cercato su internet ma si trovano tutte le idee e il loro contrario!
    Perchè oltre a fare malissimo, ho paura a forzare, se però mi dicesse che camminare fa bene, mi sforzo eccome!Voglio solo sapere cos'e' giusto e cosa no, e lo faccio!

    Detto questo, scusi se entro ancora di piu' nei particolari...ma questa cosa (lombosciatalgia ...ernia....bo...chissà cos'e') è rimediabile in maniera naturale (ovvero gli organi interessati si autoriparano, oppure si deve intervenire in qualche maniera con diversi metodi?
    Perchè se è interessato qualche organo interno, le cose come possono andare a posto da sole?

    Sulla fascia, ci avevo pensato pero' non sapevo se era giusto, ne ho proprio una "tipo nonno", ora me la metto, devo stringere (tipo fermare molto la zona?).

    Grazie ancora.



  14. #14
    Indice di partecipazione al sito: 17 Medico specialista in: Medicina di base

    Risponde dal
    2006
    Per quanto riguarda l'attivita' muscolare,e' stato dimostrato, da studi clinici, che la mobilizzazione precoce dopo la fase acuta,migliora il recupero e accorcia la durata della malattia che,secondo la mia statistica,nell'ottanta percento,regredisce senza bisogno d'intervento chirurgico.Ne 10/15% residua una lombalgia cronica,dopo una fase di circa sei mesi.Il 5% che vengono sottoposti ad intervento chirurgico,oltre a non risolvere definitivamente il problema,rimangono spesso bloccati.
    E' importante soprattutto che la fascia fornisca una temperatura,stabile e naturale ai muscoli lombari,per evitare che irrigidendosi,schiaccino ulteriormente le strutture interessate.
    E' comunque necessario che sia discretamente aderente,per scaricare a livello addominale il peso che altrimenti graverebbe solo sulla colonna vertebrale.
    (osserva la cintura che usano i sollevatori di peso).
    Il miglioramento clinico si ha quando quel gel contenuto nell'anello fibroso comincia a disidratarsi,con conseguente diminuzione della pressione sulla struttura nervosa,dx- sn o bilaterale.
    Alcune ernie sfondano il corpo vertebrale perpendicolarmente(ernie di Shmorl)ma sono piu' rare.
    E' pur vero che un dolore lombare puo'essere secondario a malattie dei reni,dell'aorta ma considerando la giovane eta' io escluderei patologie piu' gravi.
    Ultima osservazione gli accertamenti tipo RM devono essere completati con un RX della colonna lombosacrale per escludere una spondilolistesi(vedi sul WEB).
    Saluti e in bocca al lupo.




    Nicola Di Fiore

  15. #15
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    Gentile Dottore,
    sono passati un pò di giorni,
    e torno a scriverLe per dire un pò quel che è successo.

    Sono andato dalla Dottoressa di base,
    le ho anche parlato della cura che mi aveva prospettato (devo premettere che la mia Dottoressa è una testa dura, e in piu' non ha mai pazienza, infatti voglio cambiarla), cosi' mi ha prescritto punture di Muscuril e Voltaren associate ad una pastiglia per la protezione dello stomaco nel momento in cui faccio le punture.

    Sono 4 giorni che le faccio...il dolore è sicuramente diminuito,almeno in generale è piu' lieve (anche se persiste), è meno forte nelle gambe, ma torna ognitanto tagliente, nella schiena c'e' continuamente anche se minore, ora non so se è questione di tempo o altro, perchè mi rimangono da fare solo piu' 2 punture e poi la Dottoressa mi ha detto di non continuarle....ma qui non mi pare che il problema sia stato proprio risolto!(se fra 3 giorni quando non farò piu' le punture il male sarà ancora cosi' forte allora vuol dire che c'e' qualcosa d'altro?)...La Dottoressa mi ha visitato, mi ha detto che non c'e' nessuna ernia e non c'e' nessun'altra malattia, pertanto mi ha sospeso la RMN.

    C'e' poi una cosa in particolare...ho un sonno pazzesco!Gia' dopo poco che mi fanno la puntura la sera alle 19 mi viene un sonno fortissimo, e il giorno dopo sono moscissimo e potessi dormirei sempre!(TUTTO CIO' E' NORMALE?).

    Per ora mi fermo qui e La ringrazio ancora!





  16. #16
    Indice di partecipazione al sito: 17 Medico specialista in: Medicina di base

    Risponde dal
    2006
    Se le cose continuano cosi',considerati fortunato,il dolore certamente migliorera' col tempo(ti avevo consigliato di mantenere la calma).Stai comunque attento perche' potresti avere delle recidive.La sonnolenza e' un effetto collaterale dei miorilassanti.


    Nicola Di Fiore


Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17/03/2008, 22:08
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14/04/2008, 15:06
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 07/02/2008, 12:38
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18/01/2008, 23:23
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18/06/2008, 22:05
ultima modifica:  16/07/2014 - 0,18        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896