Utente 191XXX
Buongiorno, volevo riassumere quanto mi accade da circa 10 anni.
Come sopra citato sono anni che combatto con disturbi digestivi e dolori addominali tanto forti da portarmi anche lo svenimento. Nel mese di Aprile ho fatto la gastroscopia per la ricerca celichia che è risultata negativa, ma la cosa piu assurda e che dopo migliaia di euro spesi per esami del tipo allergie alimentari additivi e conservanti ecc ecc....,nessun medico è riuscito a capire quale fosse il problema e cioè, ogni qualvolta mi vengono i soliti dolori addominali con stipsi e/o diarrea, mi compaiono sempre e solo in alcuni punti del corpo ed in forma simmetrica delle macchie cutanee con tanti piccoli puntini vicini che prima sono rossi poi mi sanguinano e successivamente seccano e mi restano gli aloni che ricompaioni quando ho dinuovo i soliti dolori addominali, in questo frangente il prurito è insopportabile.
Da precisare che in un dei tantissimi esami che ho fatto, sono risultati alterati i valori di: "Arachidi, Semi di Solia, Albume d'Uovo, Anisakis, il Grano leggermente alterato e gli IGE Totali sono a 199,0", da precisare inoltre, che dal mese di maggio seguo una dieta senza glutine che in un primo momento sembrava dare esiti positivi, invece nonostante tutto sono ricomparsi i soliti sintomi.
In concomitanza di quanto già descritto ho un malassorbimento di: Ferro, Acido Folico, VItamina D e Omega 3.
Vi prego di rispondermi presto, poichè da 10 anni che soffro e non riesco piu a trovare una soluzione ne tantomeno farmaci che alleviano i dolori addominali.
N.B. ho fatto sia gastroscopia che colonoscopia con esiti Negativi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
esprimere un'opinione sui dati che riferisce non rientra nelle possibilità di un orientamento on line. Il quadro clinico che descrive non è affatto "tipico" e può essere approcciato solo prendendosi in carico il Suo caso, cioè ricominciando con un'anamnesi approfondita, prendendo visione degli esami già svolti e delle lesioni cutanee e - se necessario - completando gli accertamenti.
Il consiglio, pertanto, è quello di sentire un ulteriore parere spacialistico "reale".
Saluti,