Utente 120XXX
Salve
sono affetto da cardiomiopatia dilatativa con fibrillazione atriale e assumo l'amiodarone che effettivamente è molto efficace. dall'ultima analisi degli ormoni tiroidei risulta il tsh a 70.00!!! Mentre gli altri ormoni sono nella norma!! da qualche giorno ho alcuni sintomi lievi ma fastidiosi : pesantezza alle gambe, nausea e fastidi gastrointesinali, testa "pesante" aumentata frequenza cardiaca.....ho paura che sia la tiroide; se fosse così, siccome è vitale per me l'assunzione di amiodrone, cosa si può fare? ovviamente è solo per un consiglio al più presto consulterò il cardiologo
grazie
michele

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Dato il livello di TSH e' consigliato interrompere l'amiodarone. Non e' inoltre chiaro se lei sia in fibrillazione atriale permanente od invece presenti episodi di f.a parossistica. Nel primo caso infatti la somministrazione del cordarone sarebbe inutile.
Stara' poi al suo cardiologo prescriverle un altro antiaritmico (dronedarone, flecainide, profafenone...) a seconda del quadro complessivo del suo cuore.
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
la fibrillazione è parossisitica; ringranziandoLa per la risposta, volevo chiederle: non è possibile curare con ormoni sintetici l'ipotiroidismo da amiodarone e continuare a prendere il farmaco?
Grazie e buon lavoro
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In caso di ipotiroidismo subclinico, che lei pare avere e' necessario interrompere l'amiodarone sostituendolo con altri farmaci). La tiroide , dopo la sospensione del farmaco va controllata strettamente con dosaggi seriati degli ormoni.
Inoltre, se i suoi episodi di f.a. parossistica fossero frequenti e/o prolungati ed avesse altri fattori di rischio, quali l'ipertensione, familiarita' per iunfarti ed ictus e se l'ecocolordoppler cardiaco mostrasse una funzione ventricolare sinistra non normale o volumi aumentati (sia atriale che ventricolari sinistro) riterrei opportuno che lei si tutelasse da fenomeci tromboembolici iniziando terapia anticoiagulante orale (Coumadin o Sintrom)
Arrivederci
cecchini