Utente 372XXX
salve.
circa un mese e mezzo fa mi viene sostituita una otturazione in composito con una nuova sul sesto molare superiore destro.
tale nuova otturazione inizia a darmi problemi solo alla masticazione di cose dure, o quando la masticazione diventa più intensa.
il mio dentista mi fa controllare da uno specialista in endodonzia, il quale dopo avermi aperto il dente e fatto una radiografia sentenzia che è tutto apposto e che è necessario semplicemente rifare l'otturazione utilizzando uno speciale sottofondo a base di fluoro il quale avrebbe aiutato il dente a "guarire".
Mi viene effettutata tale otturazione: E' PASSATO UN MESE MA LA SITUAZIONE E' IDENTICA.
1)cosa devo fare?
2)tutto ciò da cosa dipende?
3)una otturazione in amalgama risolverebbe il problema (da come leggo è un materiale in ogni caso più resistente e isolante)?
4)sarebbe corretto devilatizzare un dente, che a detta del dentista risulta perfetto?
grazie x le risposte.
P.S.: purtroppo devo segnalare che non è stata utilizzata la diga di gomma. non saprei come dire una cosa del genere al mio dentista al quale mi rivolgo da quando ero bambino, sarebbe come offenderlo nel suo lavoro. non credo che lui utilizzi mai tale diga: non oso pensare che non gli riesca neanche un'otturazione nonostante non usi la diga.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente il disturbo che ci riferisce potrebbe essere attribuito o ad un precontatto,condizione facilmente verificabile con una cartina di articolazione oppure ad una sofferenza della polpa del dente.
Nell'ultimo caso sarebbe utile verificare la vitalità pulpare con i test di vitalità.
Nel caso in cui la polpa risultasse compromessa,sarebbe utile una terapia canalare.
[#2] dopo  
Dr. Alessandro Francini
24% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Gentile utente,senza una visita si possono solo avanzare delle ipotesi.

In linea di massima in un ipotetico caso di sensibilità alla masticazione, dando per assodato che la polpa non ha problemi ,cioè che sono stati messi in atto tutti i mezzi diagnostici per accertarsene,le possibili cause possono essere o un precontatto (che comunque avrebbe dovuto interessare entrambe le otturazioni) oppure la presenza di un gap, di un distacco tra l'otturazione e il fondo della cavità . Per evitare questo gap si usa, per i compositi,un sistema adesivo che, ahimè, necessita per funzionare di un perfetto isolamento del dente.Tale isolamento di regola si ottiene con la diga di gomma, ma nella pratica clinica di tutti i giorni, soprattutto su un dente superiore, si può ottenere anche in altri modi.Capitano però i casi "particolari" dove la diga.....fa la differenza,non solo in teoria, ma anche in pratica!
L'amalgama, a differenza del composito, non si contrae una volta indurito, perciò la formazione del gap è meno probabile. L'uso di un buon sottofondo, soprattutto se si è molto vicini al nervo (tecnicamente chiamato polpa), allontanerebbe ancora di più il problema.Con l'amalgama poi l'uso della diga, pur essendo sempre obbligatorio, è più "derogabile".

Un'eventuale devitalizzazione si prende in considerazione solo quando la diagnosi, che si basa soprattutto sui test caldo-freddo e di vitalità,indica una sofferenza pulpare (della polpa) irreversibile.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
tengo a precisare che l'otturazione precedente è durata 2 anni: onestamente mi sembra un po' pochino (sempre eseguita senza diga di gomma). Forse mi converebbe rivolgermi ad un altro professionista dentista.
[#4] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
i materiali compositi, prodotti che hanno ottime performance di durata, prevedono una puntuale tecnologia d'uso.
La sensibilità che lei lamenta post-otturazione è tipica di un composito che non si è adattato perfettamente alla cavità del dente.
Non vi è indicazione alla devitalizzazione ma la sola ripetizione della otturazione è sufficiente e magari richiedere una seconda opinione.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
gentili dottori, sono propenso a cambiare dentista vista la mia non più fiducia verso quello attuale (pensate questa otturazione è stata eseguita in dieci minuti). la domanda è questa: in base a quali parametri devo scegliere quello nuovo? come faccio ad intercettare in anticipo che il nuovo dentista utilizzerà tutti i protocolli comunemente condivisi dalla scienza odontoiatrica (es: la diga di gomma)??
[#6] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Mi permetto di suggerirle il dr Auletta che è un ottimo professionista e forse non lontano da lei. Più in generale chieda specificatamente l'uso della diga. In mani esperte è una otturazione che richiede almeno 30 minuti.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
salve gentilissimi dottori!!
ho cambiato dentista poichè il dolore alla masticazione era divenuto insopportabile.
il nuovo dentista, giovane e preparato, dopo una radiografia e vari tests(freddo intenso con lo spray) sul dente e dopo averlo riaperto afferma che il dente si potrebbe salvare (ossia evitare la devitalizzazione).
ieri mi fa una prima otturazione provvisoria con all'interno un prodotto antipulpite, ed oggi dopo aver rimosso la precedente, una seconda otturaz provvisoria con dell'idrossido di calcio per stimolare la produzione della dentina secondaria.
Risultato: il dolore oggi anche alla masticazione di cose dure sembra "miracolosamente" quasi passato.
il dentista afferma che se tutto andrà per il meglio procederà tra una settimana alla otturazione definitiva.
cosa ne pensate?
grazie di cuore.
[#8] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
tutto sta andando per il meglio per lei e ne siamo contenti. L'otturazione finale va fatta utilizzando la diga di gomma.
In bocca al lupo!
[#9] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
salve. aggiornamento sulle condizioni del mio dente: per rendere l'idea, diciamo che il dolore è scemato da 100 a 20% mangiando le cose dure.
prima di chiudere in definitiva è necessario che il dolore si azzeri del tutto o quel 20% puo' anche essere dovuto al fatto che in questo momento ho l'otturazione provvisoria??
ho il prossimo controllo dal dentista giovedì...
grazie!!
[#10] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
salve. ho effettuato l'otturazione definitiva questa mattina (usata la diga di gomma).
a pranzo ho provato a mangiare un grissino per provare il dente, ma niente, il dolore/fastidio è ancora presente.
sottolineo nuovamente che non si tratta di una otturazione profonda.
1) a questo punto cosa fare??
2) considerando che questa volta l'otturazione è stata fatta secondo tutti i protocolli, potrebbe essere il caso che aspettando un pò di giorni il dolore regredisca?
il dentista si è detto ottimista sulla guarigione, vuole tentare di evitare la devitalizzazione.
grazie!!