Utente 257XXX
Gentili dottori, sono di nuovo su questo forum a fare domande su un problema (o che forse non lo è). Domani saranno 14 giorni che sono stato operato e, per essere chiaro, riporto ciò che mi hanno scritto sul cartellino: "plastica di scorrimento del prepuzio e del frenulo". Tutto va abbastanza bene e i punti stanno cadendo. Lunedì scorso sono stato pure a controllo. Fino a venerdì, nella zona punti, ho applicato gentalyn beta e lavo ogni giorno con fisian. Però nella zona del frenulo compare ancora un rigonfiamento... . Sembra una sorta di "ciambellina di carne viva", che è presente dal secondo giorno post-intervento. Così il medico, dicendomi che è una cosa normale, mi ha detto che dopo circa quattro giorni dalla sua visita, avrei dovuto procedere in altro modo: al mattino refix spray e a sera una pomata al cortisone chiamata advantan. In più mi ha detto di tenere sempre il glande coperto, in modo che il gonfiore si "comprima" (o una cosa del genere). I primi giorni non riuscivo a coprirlo tutto...ritornava sempre alla "posizione di partenza" (cioè poco sotto la corona del glande) forse a causa dello stesso edema. Il fatto che mi sta preoccupando è che dopo due settimane ancora questa "ciambellina" c'è e, anche se si sarà ridotta un pochino, di andarsene non ne vuol sapere. Comunque non mi fa male e non mi dà nemmeno più fastidio il glande, che sta perdendo sensibilità. Compare solo questo gonfiore e ci sono ancora tutti i punti in sua prossimità e quindi nella zona del frenulo. Può essere un fatto normale? Devo aspettare o magari chiamare di nuovo il medico? Deve passare qualche altra settimana? Vorrei inoltre porre alcune domande più "pratiche":
1. Le erezioni possono causare o comunque non favorire il riassorbimento dell'edema? Se dopo 15 giorni l'edema ancora c'è, la ripresa della masturbazione protrebbe ostacolare la guarigione?
2. Il ghiaccio può accelerare i tempi e in qualche modo "bloccare" le erezioni?
3. La pomata (questo mi sono dimenticato di chiederlo al medico) deve essere ancora applicata su tutto il glande o basta solamente nella zona-punti, tirando indietro il prepuzio? Infatti adesso non è nè più tanto sensibile, nè "tumefatto" e mi chiedevo se è ancora necessario.
Fiducioso nelle vostre risposte, vi saluto cordialmente e chiedo scusa se sembro paranoico.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

per una cicatrizzazione completa servono circa 4 settimane e quindi è normale la sua evoluzione. Continui ad assumere i medicinali che il suo operatore le ha consigliato e cerchi di astenersi dalla masturbazione per ridurre la possibilità di irritazione ed accentuazione dell'edema. a distanza di così tanto tempo il ghiaccio non è più necessario e comunque fra un'altra settimana faccia un controllo dal suo medico.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la pronta risposta. Speriamo bene :S
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prego
[#4] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Gentili dottori, ormai è passato più di un mese dall'intervento e devo dire che va abbastanza bene. Il gonfiore è quasi sparito e restano solo due punticini nella zona del frenulo, dove sto continuando ad applicare gentalyn beta, perchè, nei primi giorni dall'intervento, in seguito ad un'erezione notturna saltò un punto. Attualmente ancora la parte iniziale del glande è scoperta, ma quando sarà passato tutto completamente, come ha detto il medico, il prepuzio dovrebbe scendere di più e coprire quasi completamente il glande. a questo punto vorrei porre una domanda: ma quando il prepuzio scende durante un'erezione, deve scendere solo fin sotto il glande? Fin sotto la "corona", per intenderci? O deve scendere proprio fino alla base del pene? Sto leggendo che deve scoprire solo tutto il glande... . Ma io mi chiedevo una cosa: durante la penetrazione, il pene non dovrebbe essere scoperto fino alla base? Non so se riesco a farmi capire. Chiedo scusa anche per i termini "poco tecnici", ma avevdo avuto il glande coperto da sempre (avevo una fimosi serrata) ora non so nemmeno come "destreggiarmi" e come comportarmi con il prepuzio, che finalmente, può scorrere liberamente. Grazie in anticipo e chiedo scusa se la domanda possa sembrare stupida e inutile.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
lo lasci scorrere che ormai farà il suo lavoro e cioè scendere fino a sotto al glande.