Utente 106XXX
Gentili dottori
Sono affetto da cardiopatia dilatativa secondaria a una miocardite. Dopo un inizio particolarmente disastroso, ho raggiunto per ora una FE del 40% e conduco una vita pressoché normale, tornando anche a lavorare (sono un programmatore di computer). Il quesito riguarda l'evoluzione della frequenza cardiaca, quando ero ancora in ospedale nel mese di giugno si era attestata, a riposo, sui 55-60, e tale è rimasta fino alla fine di luglio, quando si è gradatamente alzata fino a 68-70, con punte di 75. Dopodiché c'è stato un graduale e progressivo abbassamento, al punto che adesso, al risveglio, la frequenza è sui 40-45. C'è da dire che non avverto alcun sintomo e sono in grado di fare praticamente tutte le cose che facevo "prima" (compreso salire sette piani di scale a piedi senza fermarmi, non credo che sia una cosa saggia da fare ma purtroppo abito al settimo piano e l'ascensore era rotto e non avevo alternativa). Inoltre prendo i seguenti farmaci (alcuni dei quali mirati ad abbassare l'ipertensione essenziale, in quanto anche "prima", lasciato a me stesso, avevo la pressione regolarmente sul 160/100)

Lasix 25 mg a giorni alterni alle ore 6.00
Congescor 10 mg, Blopress 8 mg, Potassio cloruro 1200 mg alle ore 8.00
Norvasc 2.5 mg alle ore 14.00
Kanrenol 100 mg, Triatec 10 mg alle ore 16.00
Blopress 8 me alle ore 20.00

Sono stato sottoposto a Holter e il risultato è il seguente:

RIASSUNTO
Battiti 90479; Normale 90436; Atipico 22; Rumore 00:01:37
FC Med 65 Bpm, FC Min 41 Bpm, FC Max 97 Bpm.
SD 198 msec, pNN50 29, rMSSD 84 msec, AFIB 0:00:00

CONDUZIONE
BRA 70, Più lunga 5 battiti, FC min 37 BPM

CONCLUSIONI:
RS stabile durante tutta la registrazione, interrotto da 4 BESV e 16 BEV. Si nota lieve aritmia sinusale senza pause. Non aritmia iper- né ipocinetica di rilievo. Il paziente non ha riportato sintomi sul diario.

Com'è andato l'Holter, e quale può essere il significato clinico di questo alzarsi e abbassarsi della frequenza?

Vi ringrazio molto fin d'ora e porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Deve pensare che se la sua funzione ventricolare e' 40% l'unico modo per il suo cuore di far fronte alle richieste dell'organismo (es durante sforzo) e' quello dell'aumento della frequenza cardiaca. Lei sta assumendo, tra gli altri farmaci, un bel dosaggio di beta-bloccante che le impedisce di aumentare eccessivamente la frequenza.
L' holter da lei eseguito e' incoraggiante.
E' opportuno che lei controlli scrupolsamente la funzione renale, eprche' sta asumendo dei farmaci (giustamente) che necessitano una perfetta funzione emuntoria del rene. Deve inoltre mangiare sciocco (senza sale, o meglio con il solo sale contenuto negli alimenti) e condurre un regime di vita di riposo
Devo dar per scontato che lei non sia fumatore.
Cordialmnte
cecchini
[#2] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore, la ringrazio davvero tanto. Spesso si tende a pensare troppo, e in modo sbagliato (quando tende a battere più in fretta, si pensa che sia perché il cuore si è indebolito e non ce la fa più a fare quello che faceva prima continuando a battere lentamente, se tende di nuovo a rallentare, si pensa che sia perché non ha più la forza di andare forte come prima, e ci si fa paranoie analoghe per la pressione quando va su o giù) e non ha idea di quanto una sua parola mi abbia tolto parecchie preoccupazioni. Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il bello della cardiologia è che in realtà è ....idraulica.
Si rassereni
Cecchini
[#4] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore, la disturbo un'ultimissima volta. Lei mi consigliava di controllare i reni, e neanche a farlo apposta, il medico quando mi ha prescritto l'Holter mi aveva prescritto anche degli esami del sangue da fare una settimana dopo (per misurare il potassio a seguito dell'aumento di Kanrenol da 25mg a 100mg al giorno e della diminuzione di KCl da 3600mg a 1200 mg al giorno), e insieme al potassio ha prescritto altri parametri che non sapevo essere correlati ai reni. I risultati sono

Hb1Ac 4.7%, 28 mmol/mol
Sodio 138 [135-148]
Potassio 4.2 [3.5-5.0]
Cloro 105 [95-110]
BUN 14 [5-25]
Creatinina 1.05 [0.80-1.30] - eGFR 78 [> 60]
Glicemia 94 [65-110]

Sono tutti nei valori normali e quindi sono andati bene, solo volevo chiederle se eGFR va bene anche a 78 (mi pare di aver capito leggendo qua e là che va bene anche maggiore di 60, ma per andare "davvero" bene dovrebbe essere maggiore di 90)...

Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Tenga conto che il metodo con cui viene calcolato il GFR in quel modo e' un metodo non perfettamente preciso e che in ogni caso si perde circa l 1% di funzione renale per ogni anno di vita. Pertanto la sua funzione renale e' normale per la sua eta'.
L'associazione poi tra un antialdostestonico (kanrenol) e sali di potassio e' almeno discutibile.
Cordialmente
cecchini
[#6] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Buonasera dott. Cecchini, sono di nuovo a disturbarla.

Innanzitutto, il mio cardiologo alla fine l'ha pensata come lei e ha eliminato il potassio cloruro e ha lasciato il solo kanrenol.

Poi ho fatto un'altra ecografia e pare che molte cose siano migliorate. Tutti i volumi si sono ridotti, tutte le valvole sono normali, l'atrio e il ventricolo destro normali, l'atrio e il ventricolo sinistro lievemente dilatati (due mesi fa il ventricolo lo era moderatamente). La FS è salita dal 28.9% al 29.4%. La EF dal 40% al 48%

Ho capito quasi tutti i parametri, tranne quelli della sezione "funzione diastolica", che le riporto (fra parentesi i valori di due mesi fa):

Onda E: 53 cm/s (58 cm/s)
Onda A: 66 cm/s (77 cm/s)
E/A: 0.8 (0.75)
DET 187 ms (162 ms)
Durata onda A: 155 ms (non c'è sul referto di due mesi fa)
E' 6 cm/s (4.7 cm/s)
E/E' 8.83 (12.34)
Velocità sistolica VP 66 cm/s (53 cm/s)
Velocità diastolica VP 41 cm/s (69 cm/s)
S/D VP calcolato 1.66 (0.76)
Durata onda REV 137 ms
Durata REV - Durata A 18
(questi due ultimi parametri non c'erano nel referto di due mesi fa)

volevo chiederle se anche la funzione diastolica è migliorata o meno, e come è in generale...

Grazie infinite
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La funzione sistolica pare migliorata, permane la compromissione lieve della diastole, ma quella probabilmente non si normalizzera' mai.
Ottimo rislutato quindi
Arrivederci
cecchini
[#8] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dott. Cecchini

Ho fatto un ulteriore controllo, ECG con ecografia e annessi esami del sangue, e le cose sono ulteriormente migliorate. All'ecografia tutte e quattro le camere sono state classificate come "normali" (un anno fa quelle di sinistra erano gravemente dilatate, ipertrofiche e ipocinetiche) e la EF è del 54% (un anno fa era al 14%). Il valore del NT-proBNP è 24.

In più c'è da dire che:

1.L'ECG ha rivelato un blocco di branca sinistra incompleto

2.Il medico che c'era stavolta (la dottoressa che mi segue è in maternità) ha praticamente dimezzato la terapia, abolendo Blopress e Kanrenol

Prima assumevo:
mattino: Blopress 8, Congescor 10, Lasix 25 (giorni alterni)
pomeriggio: Norvasc 2.5 e due ore dopo Triatec 10 e Kanrenol 100
sera: Blopress 8

Adesso invece
mattino: Congescor 10, Lasix 25 (giorni alterni)
pomeriggio: Norvasc 2.5 e due ore dopo Triatec 10

e mi viene da chiedere:
1. Che cos'è il BBSI ?
2. Lei che pensa di questa riduzione di terapia?

Il medico, persona estremamente laconica, sul BBSI ha detto "naa, è una cosa da niente che lei ha sempre avuto", e sulla terapia non si è pronunciato.

La ringrazio infinitamente, per questa risposta e per tutte le altre che mi ha dato in passato