Utente 266XXX
SALVE,
finalmente riesco a scrivere spiego la mia situazione...purtroppo nel 2010 facendo abuso di sostanze stupefacenti mi senti male avendo tachicardia e formicolio x tutto il corpo ma x fortuna non ebbi nulla ma da li avevo sempre questi tipi di attacchi dopo un anno mi erano passati prendendo psicofarmaci e con aiuto di medici e proprio quando stavo bene sono ricaduto e solo 3 mesi fa ho smesso di prendere sostanze stupefacenti e proprio da quel momento mi sono tornati questi sintomi formicolio e peso al braccio sinistro tachicardia dolore sotto al cuore al costato sudorazione fredda e questo mi capita sopratutto la sera sono andato anche a farmi una visita specializzata dal cardiologo ma è uscito tutto ok tranne un piccolo soffio alla valvola mitralica ora sto combattendo x uscirne definitivamente ma ho paura di morire ho paura che mi possa venire un infarto perchè i sintomi sono quelli cosa mi consigliate???

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I dolori che le riferisce , pur con i limiti del rapporto telematico, non paiono essere di pertinenza cardiologica.
Ne parli al suo Medico per valutare la opportunita' di programmare altri esami quali una prova da sforzo ed un ecocolordoppler cardiaco.
Ovviamente se lei continua afare uso di sostanze stupefacenti il rischio di infarto o di ictus e' molto elevato
arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
già fatto gli esami è tutto ok ripeto è uscito solo un piccolo soffio alla valvola mitralica...sicuramente non farò più uso di queste sostanze...ma come mai mi vengono questi attacchi???
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Da cio' che scrive e' evidente una forte componente ansiosa. Penso che il suo Medico potra' consigliarle un'idonea terapia.
Cordialita'
cecchini