Utente 266XXX
Salve, scrivo qui per la prima volta e vorrei spiegarvi il mio problema: da circa un mese ho rapporti sessuali completi con la mia ragazza. Da circa una settimana però, non mi sento molto bene, sono stato molto raffreddato, con febbre più o meno fissa a 37,1 da un paio di giorni. Ora, nonostante non sia un livello altissimo di temperatura, mi sento comunque spossato e senza molte energie. Ho provato ad avere rapporti in settimana, ma con scarsi risultati!! Non riesco a raggiungere un'erezione piena nemmeno con la masturbazione. Devo preoccuparmi o meno?? E se è qualcosa di attinente all'influenza, entro quanto può passare??.....questi giorni sono stato molto preoccupato perchè non mi era mai successo e non vorrei cadere nel fenomeno dell' "ansia da prestazione" per questa mia preoccupazione!! Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro siognore,
la temperatura nojn è essenziale per sentirsi spossati o meno, quanto il ceppo virale infettante. Pertanto aspetti di stare bene, poi vediamo, che fino ad ora non vedo nulla di anomalo.
[#2] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio gentile Dott.Cavallini....attualmente sia la temperatura che il senso di spossatezza si mantengono costanti da circa 3 giorni. In ogni caso la terrò aggiornata....grazie!!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
faccia sapere4 se vuole.
[#4] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera, vi riscrivo per comunicarvi come si è evoluta la cosa. Per fortuna la febbre è passata dopo qualche giorno e problemi come quello descritto sopra non si sono più ripresentati, per fortuna.
Ora però ne è sopraggiunto un altro: da una settimana sono stato colpito da gengivostomatite erpetica ora in fase di guarigione dopo una cura a base di antivirale che sto facendo da 3-4 giorni. Molto probabilmente ho contratto quest'infezione in seguito ad un rapporto orale con la mia ragazza!! Cosa mi consigliate adesso?? Dovrei farla visitare da una ginecologa al più presto?? (vorrei capire i motivi per cui ha contratto quest'infezione nell zona genitale!!) Ma soprattutto noi usiamo SEMPRE il preservativo!! Rischio qualcosa se abbiamo rapporti protetti?? Ringrazio come sempre in anticipo.
[#5] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Durante un'infezione sessualmente trasmessa è sempre bene evitare rapporti anche se protetti in quanto alcune infezioni si possono contrarre anche se si utilizzano protezioni. Quando ne viene interessato un partner è sempre bene che i controli li facciano entrambi anche se uno dei due è asintomatico.
[#6] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Se la ragazza ha l'infezione potrebbe averla contratta
Ovviamente il ciclo dell'infezione dovrebbe ormai essere concluso ma la recidiva potrebbe in futuro esserci
Un controllo dal suo odontoiatra di fiducia e' consigliabile se non l'ha gia' fatto come. Per la sua ragazza dal ginecologo
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Vi ringrazio molto cari Dott. Gino Alessandro Scalese e Dott. Marco Finotti per le pronte risposte. Provvederò al più presto a fare un controllo io e a farlo fare a lei. Ora mi sorge un ultimo dubbio: premetto che ho fatto la scorsa settimana le analisi del sangue e non sono immunodepresso o cose del genere; ho preso questa brutta infezione sicuramente a contatto con lei. Ora mi chiedo: ma siamo sicuri che l'infezione da lei contratta e trasmessa a me (tale da provocarmi questa gengivostomatite erpetica) sia un herpes genitale?? O può trattarsi di qualcos'altro?? Ringrazio come sempre in anticipo.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

a questo punto purtroppo non possiamo che usare una formula classica ma sinteticamente vera: "in questi casi purtroppo, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un medico reale per capire se si tratta di "qualcos'altro".

Un cordiale saluto.