Utente 862XXX
Buonasera,
il mio fidanzato soffre di eiaculazione ritardata da sempre e riesce a raggiungere l'orgasmo solo con stimolazione manuale od orale da parte mia dopo ore di rapporto.
Durante la masturbazione però dice di impiegare un tempo di gran lunga minore, tuttavia incontrando a volte delle difficoltà (credo a causa di sensi di colpa).
Non beve,non fuma,non assume farmaci.
Come potrei aiutarlo a migliorare questa situazione?

Inoltre, quale metodo contraccettivo potrebbe essere più adatto (escludendo la pillola che ho già assunto negli ultimi 4 anni e considerando che dopo un'ora di sollecitazioni i preservativi cedono)?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

lasci perdere i "metodi contraccettivi adatti", il problema del suo ragazzo sembra avere una predominante componente psicologica o relazionale.

Bisogna ora però sentire in diretta un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
l' eiaculazione ritardara dipende o da fenomini psicogeni (più facile stando ai sintomi) oppure da fenomeni ormonali o prostatic. Ogni causa ha la sua terapia, pertanto mandi al moroso da collega esperto e vedrà che risolve. Quanto al metodo contraccettivo, di qua non possiamo prescriverlo, per linee guida e buon senso. Meglio si rivolga al suo ginecologo di fiducia.
[#3] dopo  
Utente 862XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio entrambi per le Vostre risposte.
Che il problema sia da sottoporre ad un esperto io l'ho sempre creduto. Non è facile convincere lui però, che al contrario crede che solo il mio aiuto possa essere determinante.
Saluti
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

come spesso ripeto da questo sito, cerchi di convincere il suo ragazzo, approfittando di questo problema sessuale, a conoscere finalmente il suo andrologo di fiducia.

Le dica di seguire le sue "orme"; lei sicuramente già da tempo conosce il suo o la sua ginecologa.

Ancora un cordiale saluto.