Utente 186XXX
Buonasera, mia nonna ha subito un intervento con bypass alla gamba 2 anni fa in quanto il sangue scorreva male in quanto era ostruito da grumi. Quindi è stata operata come suddetto.
Adesso si è ripresentato il problema con ulcera di un alluce e rischio di cancrena della gamba già operata. A questo punto abbiamo cambiato ospedale andando in un altro in Lombardia in quanto ci è stato detto centro all'avanguardia.
Il dottore che la avrebbe dovuta poi operare, dopo la visita di controllo ci ha detto che se non era stata fatta la vecchia operazione sarebbe andato tutto alla grande, ma visto che è stata fatta male e con un bypass "vecchio" non avrebbe saputo cosa trovava quando avrebbe operato.
Infatti stamani mattina dopo l'operazione il responso è stato: oltre il bypass dove sono state cucite le vene non si va oltre e non si riesce a stasare con questo metodo nuovo che viene usato (un trapano finissimo attraversa arterie e vene per sturarle) ed inoltre dovranno essere sturate arterie e vene dell'altra gamba e le coronarie. Infine la gamba dove c'è il bypass va amputata sopra il ginocchio.
Vi chiedo cortesemente se siete al corrente di altri metodi o qualsiasi altra cosa per fa si che non si faccia l'amputazione, tutto questo lo chiedo non perchè non mi fido di questo ospedale, anzi, ma per trovare una soluzione se c'è a questo problema.

Vi ringrazion anticipatamente e Buona serata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Il chirurgo vascolare arriva all'amputazione solamente quando davvero è impossibile salvare l'arto, ma risulta davvero difficile poterle dare qualche indicazione con le poche notizie che riporta.

Dal punto di vista cardichirurgico, parla di arterie coronarie, vasi che vascolarizzano il cuore, ma immagino da quanto riporta, che sia stata programmata una angioplastica coronarica, procedura effettuata dai cardiologi, dopo un esame coronarografico, che nulla ha a vedere con la cardiochirurgia vera e propria, che si effettua aprendo il torace.

In ogni caso si fidi dei colleghi cui si è affidata.
Cordialmente
GI