Utente 258XXX
Gentili medici,
in questi giorni di cassa integrazione mi capita annoiandomi di usufruire di questo sito per i miei problemi prostatici visto che alcune mie domande sono state esaudite meglio da voi medici online che da quelli dal vivo.
Quindi ancora i miei ringraziamenti del Vs utilissimo servizio che offrite.

L' altro ieri sono andato dal mio medico di famiglia per farmi un certificato e le chiesi se le calcificazioni alla prostata causassero dei problemi tipo come i calcoli ai reni visto che ho numerose calcificazioni visualizzate con l' ecografia.

Lui mi ha detto che le calcificazioni non causano problemi, ma secondo lui l' eschericia coli non è responsabile di tutte queste calcificazioni e di un ingrossamento permanente della prostata anche se può causare prostatiti croniche.
Secondo lui invece una eventuale pregressa infezione da clamidia potrebbe essere responsabile maggiormente di un risultato del genere (numerose calcificazioni nella zona laterale della prostata e diametro aumentato).
Ha attribuito la positività dello sperma a questo batterio a possibili contaminazioni visto che è identificabile anche su oggetti e superfici e nei giovani che non hanno rapporti anali secondo lui non è molto frequente, è invece frequente negli anziani per ragioni intestinali.

Vorrei solo una vs considerazione su quello che ha detto il curante:
l' eschericia coli può causare un quadro di grave infiammazione prostatica cronica identificata ad una ecografia transrettale con numerosissime calcificazioni e diametro traverso aumentato, oppure è come dice il mio curante che potrebbero essere più attribuibili ai segni di una pregressa infezione da clamidia?
Magari è il caso che ricontrolli lo sperma anche ricercando la chlamidia tracomatis?

Da segnalare che non ho mai avuto sintomi evidenti di prostatite: solo lieve bruciore ad urinare e dolore durante il coito, ma adesso accuso i sintomi di restringimento uretrale (diminuzione della forza del getto e sgocciolamento post minzionale):

Cordiali Saluti
Buon lavoro e buon weekend

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro utente una prostatite che altro non è che un infiammazione alla prostata può essere causata da numerosi germi di cui il più frequente è l e.coli il quale a seguito della stessa lascia delle cicatrici nella ghiandola : le calcificazioni . Sicuramente una spermi oltre ad ampio spettro può essere indicata ma solo per vedere se appunto c eè qualche infezione e poterla curare meglio
[#2] dopo  


dal 2012
Quindi ogni tipo di prostatite causa delle calcificazioni come esito cicatriziale analoghe.
Secondo lei è difficile ipotizzare da una ecografia che tipo di batterio è responsabile.
Quindi sia clamidia che e. coli causano stessi problemi identificabili con ecografia.

GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Si ogni infiammazione è responsabile ma è impossibile identificare da un ecografia il tipo di batterio
[#4] dopo  


dal 2012
Ed anche e coli può essere aggressivo quanto la clamidia?

Grazie