Utente 162XXX
Buongiorno,
da due anni circa sono in cura per una malattia autoimmune, la granulomatosi di wegener. Non mi ha mai colpito organi importanti, quali reni e cuore o polmoni, come solitamente avviene, la mia malattia si è arrrestata alle alte vie respiratorie.
Dopo una iniziale terapia d'urto con deltacortene e ciclofosmamide, sono passata ad assumere urbason 4 mg (due compresse al giorno) e methotrexate 15 mg (una volta a settimana) e folina 5mg.
Stanca di vedermi ancora piutttosto gonfia, ho consultato un medico, specialista in medicina interna, il quale mi ha suggerito di cambiare l'urbason con il deflan 30mg, e prendere mezza compressa al giorno. Con questo mi ha detto che dovrei riuscire a sgonfiarmi più facilmente perchè gli effetti collaterali sono minori. Però non lo passa la mutua. A me non interessa pagare o non pagare un farmaco, l'importante per me è sapere se davvero potrei sostituire quello che prendo ora (urbason) con il deflan. E se mezza compressa è l'equivalente di quello che prendo ora.
Grazie per una vostra cortese risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
i glucocorticoidi differiscono fra di loro per la capacità di indurre effetti secondari, ma anche per l'efficacia/potenza (oltre che per altre caratteristiche meno "interessanti" ai fini del discorso). Prima di pensare ad un'eventuale variazione del principio attivo sentirei il parere del Suo immunologo/reumatologo di fiducia: considerata anche l'associazione del metotressato nell'ambito di una sostanziale stabilità clinica, potrebbe anche decidere più semplicemente di ridurre la dose dello steroide che già assume.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta!
Era già mio intento chiedere opinione a chi mi ha in cura, avendo il controllo a novembre, volevo comunque un parere esterno.
Cordiali saluti.