Utente 267XXX
ho 30 anni.
mi sto avvicinando alla religione crisitiana e questo avvicinamento è stato favorito da un periodo un po' difficile della mia vita. vorrei mettere in pratica i suoi precetti fra cui l'astinenza da qualsiasi atto di autoerotismo e attività sessuale fine a sé stessa.
ho letto però diversi contributi sul web (fra cui un articolo del dottor beretta) che sostengono che l'astinenza sessuale favorisce l'insorgenza di infiammazioni alla prostata poiché il seme stagna e non viene espulso.

quanto è concreto questo rischio?? posso veramente incorrere a problemi di questo genere??
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

le infiammazioni della prostata o altri tipi di problemi dell'apparato urogenitale non sono correlabili solo ed esclusivamente ad una astinenza sessuale ma in genere sono multifattoriali (stipsi, tipologia flora batterica intestinale, tipo di alimentazione ecc.). Perciò il consiglio che ne deriva è quello di ascoltare con serenità quello che il suo organismo richiede senza timori e senza creare infruttuosi sensi di colpa.
[#2] dopo  


dal 2014
salve.
ho seguito il suo consiglio e ieri ho ascoltato il mio organismo...

vorrei chiederle: anche bere tanta acqua (ad esempio 2L/giorno) può contribuire a diminuire tali rischi?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come già in parte indicato in precedenti post, oltre alle indicazioni già datele dai colleghi che mi hanno preceduto, le ricordo che, quando sono presenti queste "problematiche urologiche”, può essere utile seguire alcune indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale quali:

1)vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2)limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc;

3)lo stesso vale per le bevande come il caffé, il tè,le bibite gassate od alcoliche;

4)altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2–3 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5)combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6)se si fuma, spegnere la sigaretta perchè la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7)tenere d'occhio la bilancia, infatti, se obesi, spesso perdere peso migliora il quadro clinico, infatti il grasso accumulato sul giro vita può aumentare la "pressione" sulle vie urinarie e peggiorare i sintomi;

8)infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  


dal 2014
la ringrazio ;)

ho scritto perché da questo pomeriggio sento un leggero fastidio durante l'urinazione: appena l'urina viene espulsa avverto questo fastidio mentre una volta "aperto il rubinetto" non sento nulla.
c'è da preoccuparsi?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Aumenti leggermente l'idratazione acuta.
[#6] dopo  


dal 2014
con colpevole ritardo, la ringrazio per i consigli :D
distinti saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Nessuna mancanza e nessun problema importante!