Utente 226XXX
In data 11 settembre 2012 ho effettuato un ecocardiogramma. Questo è il responso:
Ventricolo sinistro con ipertrofia eccentrica e normali dimensioni endocavitarie (DTD 46 mm, SIV 15 mm, PP 11 mm); conservata funzione sistolica (F:E: 60%9 in assenza di evidenti deficit segmentali.
Lieve dilatazione atriale sinistra (diam. AP 46 mm).
Nei limiti della norma le sezioni destre.
Aorta ascendente di normale calibro (diam. AP 28 mm) con conservata escursione sisto - diastolica delle semilunari.
Atteggiamento a SAM del lembo anteriore mitralico in assenza di significativo gradiente dinamico intraventricolare e con lieve insufficienza valvolare associata.
Normale pattern di flusso mitralico.
Minima insufficienza valvolare tricuspidale con normale PAPs. Assente versamento pericardico.
Il dottore mi ha detto che queste anomalie possono essere congenite e per il momento non devo preoccuparmi. Voi cosa ne pensate? (Soffro di una leggera ipertensione arteriosa e sono in cura con Ramipril 2,5 mg).
Grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il suo quadro ecocardiografico e' tut''latro che normale. Lo spessore del setto interventricolare (SIV 15 mm, con un AM systolic anteriori movement) deve fare escludere una patologia tipo miocradiopatia ipertrofica. Se lei non avesse avuto alcun familiare deccduto per morte improvvisa potrebbe essere verosimile che tali spessori siano legati ad una ipertensione arteriosa mal curata. In effetti 2,5 mg di ramipril e' un dosaggio risibile, non tanto per lo stesso dosaggio, quanto perche' il rampiril ha una emivita di 12 ore e quindi va assunto due volte al di.
Il target e' una pressione arteriosa inferiore a 125\75 mmHg
arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dottor Cecchini,
scusi se la disturbo ancora, ma non ho capito bene: "il suo quadro ecocardiografico è tutt'altro che normale" significa che il mio quadro ecocardiografico è decisamente anormale? Immagino quindi che devo valutare la diagnodi molto seriamente. In effetti la mia pressione arteriosa si aggira sui 140/95-90 mmHg. Con questa cura che comunque sto facendo solo da pochi mesi la pressione è scesa a circa 130/80 mmHg. Inoltre il mio dottore mi ha fatto eseguire questo ecocardiogramma perché ha rilevato un valore di CPK MB MASSA di 6,60, leggermente superiore alla norma (6,30). La settimana prossima dovrò fare una visita cardiologica e un ECG. Infine negli ultimi 6 mesi ho perso circa 20 kg. Ora peso 113Kg. Questo anche con l'ausilio della palestra (camminata sul tappeto, cyclette, nuoto e esercizi con i pesi, non pesanti). Immagino non ci siano controindicazioni per il proseguio. Lei cosa mi consiglia? Un 'altra cosa: mi ricordo che durante la scuola elementare feci con tutta la classe le visite mediche nel centro sportivo di Torino, e una cosa che ricordo bene fu che la dottoressa mi disse che avevo il muscolo del cuore ingrossato e avrei potuto praticare corsa di resistenza. Per questo facevo riferimento ad un ingrossamento del muscolo congenito.
Grazie e cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
la miglior cosa che lei possa fare adesso e' continuare a ridurre il peso (ha gia' fatto molto...bravo) e far si che la PA sia inferiore di 125/5 mmHg. I valori dell'eco, in qualche tempo, tenderanno a normalizzassi.
un caro saluto
cecchini
[#4] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Dottor Cecchini la ringrazio per le risposte.
Cordiali saluti