Utente 267XXX
Buongiorno mi chiamo Andrea, ho 33 anni ed abito nella zona di Torino.

Circa un mese fa mentre ero in vacanza ho avvertito per un'oretta un dolore vicino al testicolo sinistro, poi passato da solo.

Decido comunque dopo circa 20 giorni di fare un'ecografia testicolare e da questa risulta:

"Da ambo i lati si rileva la presenza di multiple piccole calcificazioni intraparenchimali.
Al polo superiore del didimo destro si riconosce un minuscolo nodo ipoecogeno del diametro massimo di circa 3 mm.
Al terzo inferiore del didimo sinistro sono riconoscibili due piccoli nodi ipoecogeni del diametro massimo di circa 3 mm.

Tutto il resto (che non indico) è nella norma.

Il reperto appare meritevole di correlazione con i dati clinicolaboristici, di consulenza specialistica e di controllo ecotomografico a distanza, non essendo tipizzabile con il solo esame ecotomografico."

Mi rivolgo quindi ad un andrologo che mi visita e mi prescrive un esame ormonale: AFP, Beta HCG e LDH.

Nel frattempo mi rilascia il reperto dove oltre ad indicare le stesse identiche cose dell'ecografia, aggiunge:

"TESTICOLI NELLA NORMA SENZA EVIDENZA DI NODI DURI.

CONSIGLI: Controllo urgente delle analisi del sangue sopra indicate per decidere EVENTUALE intervento di esplorativa testicolare."

Ritiro le analisi del sangue:

s-LDH 327 (250-450)
s-AFP 3 (<7)
s-Beta HCG <0.1 (<5.0)

Telefono alla dottoressa (androloga) per riferire i valori e mi dice che sono legermente spostati e quindi bisogna fare l'esplorativa.

La dottoressa oggi ha insistito molto perchè io mi presentassi il più presto possibile da lei per questo intervento.

Vi chiedo gentilmente un vostro parere e consiglio su cosa fare, se farmi analizzare o semplicemente tenere sotto controllo la situazione ogni tot. mesi con una ecografia.

Vorrei ripetere alcune cose.

La radiologa ha scritto: controllo ecotomografico a distanza
L'urologa ha scritto: SENZA EVIDENZA DI NODI DURI.
I marker sono stati tutti negativi.

Inoltre la dottoressa aveva proprio scritto che avrebbe deciso di fare l'esplorativa solo dopo aver visto le analisi. Le analisi sono ok, quindi non capisco.
Mi domando quindi se di fronte a tutte queste cose devo con urgenza necessariamente operarmi.
Avevo anche letto che basterebbe una ecografia fatta bene non ricordo se a colori o bianco e nero per capire di più senza intervento chirurgico.
Vi ringrazio anticipatamente e mi scuso per essermi dilungato.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

in questi casi è essenziale valutare il reperto ecografico e purtroppo da questa postazione non ci è possibile, tuttavia la situazione merita un approfondimento anche attraverso il consulto di un altro specialista. Provi a parlarne anche al suo medico di base che direttamente valutata la situazione le potrà dare il consiglio migliore.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo dottor Maretti, la ringrazio per la celere risposta.
Sul reperto ecografico è riportato:
nodo di 3 mm nel testicolo dx e 2 noduli di 3 mm nel sinistro.

L'urologa ha anche specificato nel suo reperto che non si evidenziano noduli duri.
Gli esami del sangue che ho fatto sono risultati nella norma.

Cerco qualche sicurezza perchè l'eventuale operazione mi preoccupa parecchio soprattutto se poi non fosse così necessaria.

Da quello che mi ha scritto, mi sembra di capire che un buon urologo dal reperto ecografico riuscirebbe a capire se si tratta di una cosa buona o cattiva senza ricorrere necessariamente all'esame istologico per poterlo appurare.

Grazie.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
un esame obbiettivo accompagnato dal referto ecografico è fondamentale per capire come comportarsi infatti la negatività dei tre markers non esclude la presenza di una degenerazione neoplastica.

Ancora cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
Dr. Maretti, conosce qualche bravo urologo nella zona di Torino che mi possa fare una visita di controllo e valutare bene se fosse il caso di fare o meno l'esame istologico?
[#5] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
Mi scuso, volevo dire Andrologo, non Urologo.
[#6] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
basta che cerchi su questo sito e trovera' professionisti molto competenti nella sua regione.

Ancora cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
Gentili dottori, come vostro consiglio sabato mattina sarò visitato da un altro dottore, il dottore che mi visiterà non sarà un andrologo ma urologo, per fare infretta ho trovato solo questo.

Dato che sono molto spaventato di tutta questa cosa, vi chiedo se in base ai reperti sopra citati,

3 noduli di 3 mm
non noduli solidi
markers nella norma
testicoli, pene e tutto il resto nella norma.

potrebbe trattarsi anche di qualcosa di grave oppure già il fatto che siano piccoli 3 mm e non si sono evidenziati noduli solidi dovrebbe farmi stare un po più tranquillo?

Attendo con ansia una vosta risposta perchè qui su internet ne leggo di tutti i colori e io purtroppo essendo molto ansiono mi immedesimo sempre nel caso peggiore.

Grazie ancora,

Andrea
[#8] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
mi piacerebbe anche sapere se sia possibile che questi 3 noduli li abbia sempre avuto fin da bambino ma scoperti solo ora per un esame preventivo, non so come ringraziarvi.

Andrea
[#9] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
.
[#10] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
condividiamo la sua ansia, ma le ho già risposto nella precedente " un esame obbiettivo accompagnato dal referto ecografico è fondamentale per capire come comportarsi infatti la negatività dei tre markers non esclude la presenza di una degenerazione neoplastica".


Cordiali saluti
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ora, senza ansie e paure inutili, faccia la valutazione urologica già programmata.

Fatto il tutto poi ci riaggiorni.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.


[#12] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dottor Beretta, la ringrazio per la sua risposta.

Le vorrei spiegare brevemente ciò che è successo e perchè mi sono recato a fare un'ecografia e poi dal primo andrologo, la quale mi vorrebbe fare subito l'esame istologico pur non riscontrando nulla in particolare. L'esame dell'urologa è durato al massimo 1 minuto.

Quest'estate mentre io e mia moglie stavamo facendo l'amore, siamo stati interrotti e quindi tutto è finito lì.

Dopo 3-4 giorni ho cominciato a sentire un dolore alla parte sinista vicino al testicolo, immaginavo di cosa poteva trattarsi e decido quindi di sfogare lo sperma trattenuto.
Dopo 1 ora al massimo il dolore è sparito.

Decido però di andare lo stesso a fare un'ecografia dopo una ventina di giorni, si rilevano 2 piccolissimi nodi di massimo 3 mm non solidi a sinistra e 1 di massimo 3 mm non solido a destra.

Tutt'ora non capisco se i noduli trovati siano interni o esterni al testicolo perchè dal giorno che ho avuto dolore ad oggi per la paura faccio l'autopalpazione ogni 2-3 giorni, ma come ha anche scritto l'androloga, i testicoli sono entrambi nella norma ed infatti io non trovo nulla di strano.

Ho avuto solo quel dolore un mese fa circa che poi ovviamente è sparito sfogando.
(mi era capitato altre volte e mi è ricapitato anche 2-3 giorni fa ma con molto meno dolore)

Tutte le guide sulla prevenzione dei tumori ai testicoli spiegano come fare l'autopalpazione, se dovessero comparire masse strane o altro di strano di andare dal medico.

Io mi domando allora, se non avessi avuto quel dolore, oggi ero ancora qui con quesi 3 nodulini senza sapere niente.

E' possibile che io li abbia sempre avuti? o che siano comparsi ma potrebbero anche andare via con dei medicinali?

Potrei essere un caso urgente o secondo quello che ho indicato avrei ancora il tempo di fare una cura con qualche eventuale medicinale e poi un'altra ecografia fra 1 mese?

La ringrazio

[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

spieghi bene questo passo che lei ha scritto:

"...mi sono recato a fare un'ecografia e poi dal primo andrologo, il quale mi vorrebbe fare subito l'esame istologico ..."

L'esame istologico a cosa e come?

Cordiali saluti.
[#14] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
dopo l'ecografia sono andato dall'androloga la quale mi ha consigliato di fare subito un esame istologico ai testicoli per i noduli da 3 mm trovati con l'ecografia. Come non lo so.
Mi sta telefonando ogni 2-3 giorni per sapere quando vado a farlo.

Ho letto sul referto della dottoressa che si sta specializzando.

Stamattina mi ha telefonato ancora una volta dicendomi di andare che è importante, ma io dato che ho fissato un altro appuntamento con un urologo per sentire anche un altro parere, ho inventato un paio di scuse dicendo che l'avrei richiamata in settimana.

A quel punto mi ha detto di andare solo a parlare e che per il momento possiamo anche solo tenere sotto controllo la situazione senza operare, operiamo fra 1 mese, 1 mese e mezzo!

Io questa non la capisco!

Prima mi voleva operare urgente l'indomani che ho ricevuto le analisi del sangue, ora mi ha detto che possiamo anche operare fra 1 mese e mezzo.

L'avevo capito che era un po strana, proprio per questo non mi sono fatto subito operare e domandavo qui su medicitalia per un aiuto.

Vediamo domani cosa mi dirà l'urologo.

Speriamo bene, speriamo che sia tutto nella norma e che non mi debba fare neanche l'esame ostologico.

Vi farò sapere, grazie a tutti per le immediate risposte che mi avete dato.
[#15] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Come le avevo subito consigliato, rifare una visita con ecografia, proprio per confrontarsi con la diagnosi della dottoressa.
[#16] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dottori,
stamattina come avevo detto sono andato a fare la visita da un buon urologo che esercita da una 30ina di anni.

Ha controllato l'ecografia, ha letto i vari referti tra cui anche quello dell'androloga, mi ha visitato, mi ha fatto qualche domanda del tipo se vedo sangue o se fa male ed ha concluso dicendo che avendo i nodulini in entrambi i testicoli potrebbe trattarsi di un'infiammazione, se fosse stato altro sarebbe stato difficile averlo in entrambi.

Mi ha prescritto un antinfiammatorio per 7 giorni 2 volte al giorno e un antibiotico per 5 giorni una volta al giorno.

Ripetere ecografia e markers fra 10 giorni circa.

Cosa ne pensate?
[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua le indicazioni ricevute, da quello che ci scrive, sono condivisibili.
[#18] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Concordo pienamente, segua tali indicazioni.