Utente 830XXX
Buongiorno, cercherò di essere più breve possibile ma non sarà facile e me ne scuso.Mia figlia inizia a star male con mal di gola, raffreddore e tosse il 15/6. Viene curata con Nurofen e aerosol terapia.Il 18/6 compare febbre (39.6) resistente a tutto. Il 19/6 tampone per SBEGA (rapido) negativo.La febbre persiste alta e il 21/6 iniziamo il cefixoral. Il 24/7, 4g di antibiotico persiste febbre e compaiono macro papule rossastre al tronco. Immaginando reazione allergica all'antibiotico ci rechiamo al P.S..Usciamo senza esami,con diagnosi di virosi!. La pediatra il giorno dopo consiglia di fare tutti esami virologici. Escludiamo positività a tutti i virus Cyto, toxo, Mono, ma aveva valori altissimi soprattutto per quello che riguarda VES, TAS, PCR, STREPTOZYME, TRANSAMINASI, NEUTROFILIA. Pertanto la pediatra decide di cambiare antibiotico (Augmentin) iniziato il 25 sera. La febbre persiste e le macro papule si diffondono a tutto il resto del corpo escludendo il viso.Le condizioni generali peggiorano;inappetenza,astenia,caviglie gonfie,dolori articolari.Decidiamo di riportarla al P.S. il 27/6 e la ricoverano. Il giorno dopo durante la visita e dopo aver effettuato già i prelievi il primario ha l'illuminazione:facciamo ricerca coxachie virus, ECG, risultato negativo e Eco cardio color doppler :lieve ed incostante insuffcienza valvola mitralica, forame ovale pervio con lieve shunt dx-sx di cui non eravamo a conoscenza. Programmano controllo a luglio 2013. La bambina quindi migliora e viene dimessa (dimissione protetta) il 2/7. Dopo 15g arrivano i refererti: B1 1/8, B2 1/8, B3 1/512; B4 inf.1/8 B5 1/192 B6 1/64. La diagnosi: infezione da coxachie virus tipo B. Passiamo le vacanza in lenta ripresa e relativa tranquillità considerando che fin dalla dimissione la bambina presenta desquamazione del palmo delle mani e dei piedi. Una lebbrosa! Ci dicono essere conseguenza del virus e la trattiamo con creme idratanti. Tutto è durato almeno 30gg ora non ricordo precisamente. Vengo al dunque: lunedi scorso mi reco dal medico sportivo (un caro amico di famiglia) per certificato per iniziare danza: effettua ECG e vengono fuori TANTE extrasistole (ventricolari e Blocco di Branca dx) I precedenti ECG erano tutti neg. Il mio amico non dà idoenaità e mi consiglia di rivederci alla fine di settembre di ripetere tutti gli esami del sangue, riprogrammando ECG ed eventuale prova da sforzo spiegandomi onestamente che potrebbe essere anche una miocardite da virus (appunto coxachie). Io sono uscita senza fare domande al mio amico perchè ero senza parole e poi anche perchè c'era la bambina. Ho capito una cosa però che questa storia non è ancora finita! Allora mi chiedo non sarà il caso di effettuare questi esami prima della fine del mese? Non sarà il caso di fare subito anche un eco cuore per conoscere lo stato delle pareti del miocardio? Lascia conseguenze? Naturalmente mi sto documentando e quello che leggo non mi rende tranquilla. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Consiglio senza alcun dubbio di eseguire un ecocardiogramma colordoppler, l'esame principale per fare diagnosi di miocardite. In seconda battuta potrebbe essere necessaria una RM cardiaca.
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La miocardite da coxackie B e' piu' frequente di quanto si pensi. Nella maggior parte dei casi (oltre il 90%) l'andamento eì' benigno, in una stretta minoranza dei casi la diagnosi, purtroppo, si fa attraverso un riscontro autoptico. La terapia di queste forme deve essere estremamente scrupolosa (con cortisonici per lungo tempo), stretto minitoraggio ematochimico (ripetendo il dosaggio degli anticorpi anti coxackie, ed altri esami) e dell'ecocardiogramma.
Sono certo che nella sua citta' potra' trovare strutture pubbliche all'altezza della situazione.
Cordialmente
cecchini
[#3] dopo  
Utente 830XXX

Iscritto dal 2008
Ecco adesso sono ancora più in ansia! Da quello che leggo capisco che non è il caso di aspettare la fine del mese ma di fare tutto più in fretta possibile? e mi sta dicendo anche che la presenza di extrasistole è probabilmente conseguenza di miocardite da quel maledetto virus?. Inoltre ripetere ECG non è un esame fondamentale per la diagnosi di eventuale miocardite! Perchè allora il mio amico mi sta facendo temporeggiare? Inoltre per quanto riguarda gli esami ematochimici li eseguo presso studio privato della mia città ma la ricerca degli anticorpi anti coxachie non la esegue nessun laboratorio privato e quindi dovrò rivolgermi al Policlinico Umberto I dove per altro ha trascorso la degenza e questo è un pò disagevole considerando che noi risediamo fuori Roma.
Infine, non l'ho scritto prima, ieri la bambina ha corso un po' al parco con le sue amiche e al rientro a casa oltre ad accusare mal di testa era molto pallida! Mi starò suggestionando ma ieri l'ho vista particolarmente stanca tanto che alle 20.30 era già nel suo letto! Come mi devo comportare in questi giorni, può andare la parco, correre, o la devo tenere più riguardata? Grazie infinite per la vostra pazienza!
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non ha indicato quanti anni ha sua figlia, ma presumo che sia piuttosto giovane.
E' opportuno eseguire un Holter cardiaco per valutare tipo ed entita' delle extrasistoli che lei segnala, e poi gli esami che le ho gia' indicato nel precedente post.
Le ripeto tuttavia che, a parte le forme di miocardite che sin dall'inizio hanno prognosi infausta, le rimaneneti hanno una prognosi ottima, purche' curate correttamente
Si tranquillizzi pertanto
arrivederci
cecchini
[#5] dopo  
Utente 830XXX

Iscritto dal 2008
Dottor Cecchini,
grazie della veloce risposta, ho capito che prima mi muovo e meglio è!
Mia figlia ha 9 anni e 11 mesi. Oggi andrò dalla pediatra a portare la cartella clinica del ricovero e mi farò prescrivere esami del sangue, parlerò con lei di questi esami e mi farò dire dove è meglio farli e i tempi!

Grazie.