Utente 266XXX
Gent.Dott.,Vi chiedo cortesemente qualche informazione in merito ad un eventuale intervento per aneurisma aorta ascendente su aorta bicuspide.
Più in particolare vorrei sapere pro e contro fra scelta di protesi meccanica rispetto a quella biologica. Ho letto che la prima sarebbe definitiva mentre la seconda a durata limitata nel tempo e quindi da reintervento a distanza di 10-15 anni... Tuttavia sono molto confusa a proposito degli effetti collaterali della scelta meccanica, ovvero la dipendenza vita-natural-durante da farmaci anticoagulanti. Esattamente questo cosa comporterebbe? E la vita quotidiana quanto ne sarebbe "influenzata"?
E' vero che ciò comporterebbe - oltre a prelievi e controlli a cadenza settimanale prima e quindicinale poi - vivere una vita di "attenzioni" particolari a non tagliarsi, evitare anche semplici ematomi e cose simili? Se mi ferissi anche banalmente il corpo non cicatrizzerebbe correttamente?
Vi ringrazio per l'attenzione e la disponibilità di una Vs risposta.
Sono forse in lista per questo intervento in un futuro non ancora definito, ma se e quando avverrà vorrei avere qualche idea un pochino più chiara rispetto al caos mentale in cui mi trovo ora!
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Andiamo con ordine:
La protesi meccanica necessita di terapia anticoagulant e orale a vita, quella biologica o da cadavere necessitano terapia anticoagulante orale sono per pochi mesi, a meno che il paziente non abbia problemi di fibrillazione atriale, altrimenti deve seguire la tappa anticoagulante a vita egualmente.
La vita sotto anticoagulant e orale è perfettamente normale, c'è bisogno di un prelievo , a regime, ogni 15 giorni circa, tutto li.
Non creda che i rischi emorragici maggiori siano molto più rilevanti Dell apparente innocua aspirina.
Anche sulla durata delle protesi biologiche, e specie di quelle da cadavere, la durata di 10 anni è solo una leggenda metropolitana.
Si tranquillizzi pertanto
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dott Cecchini! Alla luce di ciò che mi ha scritto e considerata la mia età, se dovessi affrontare l'intervento Lei cosa consiglierebbe?
Cordiali saluti.